A GIS tool for interdisciplinary landscape studies

Pubblico di seguito l’abstract di un seminario tenuto recentemente a Berlino. Allego la bibliografia utilizzata per preparare le slides da dove sono stati tratti i brani utilizzati per spiegare le linee generali del metodo della caratterizzazione sulla quale sto lavorando, per tentare un migliore adattamento al contesto italiano.

Spero risulti utile.

A GIS tool for interdisciplinary landscape studies

(thinking about a future ‘landscape characterisation’ in Italy…)

Berlin, 8 January 2018

Despite the fact that several projects on Ancient Roman towns and related territories have been carried out during the last decades by applying even the most advanced techniques of field survey, and remote sensing methods, the understanding of some important points of central Italy’s social dynamics from the Roman Period to the Middle Ages has not improved much; this is probably due to the lack of a proper interdisciplinary and contextual approach, which may connect specialists in different fields (archaeologists; historians; etc) to the reality of the landscape.

This paper aims to show the range of possibilities provided by a GIS method elaborated in the UK and recently applied to Italian contexts, at the moment conventionally called ‘Historic Landscape Characterisation’. It develops from a wider collaborative research project, which involves selected historical areas in Southern Lazio, Central Italy, previously included into a project carried out between 2012 and 2014; their study has been further advanced from 2015 to 2017, in order to answer yet unaddressed questions about the relationship between linguistic or historical sources and territories.

During previous research focused on the analysis of the impact of medieval conquests in the UK and Italy through the study of landscapes, results had revealed significant potential for approaching the study of complex social landscapes by combining material and linguistic data relying on an advanced technological tool: in order to manage data coming from environments and textual sources, a relatively new GIS-based method was adapted to the Italian context for the first time; this method emphasises the importance of studying the landscape as a whole by identifying different historic land-uses (e.g. different types of fields, woodland, moors/heaths/grazing land, etc) and by analysing their origins, development and cultural/social characters, trying to understand the evolution of people’s identity and land exploitation. Initially developed by British institutions, this new GIS method has been tailored for selected Italian cases studies in order to correctly reconstruct even different landscapes by collecting data on transformation and/or continuity in the landscape, in Italy and the UK.

Of course, Central Italy is a vital area of study, expecially if considered since the mid-Republican period, when its natural environment was affected in numerous ways by increased social and economic needs. However, other complex transformations within the same areas occurred after the Roman Empire, over the Middle Ages, and finally in the last decades, certainly from the second half of the twentieth century till today. This means that the whole of their consequences in the contemporary landscape must be equally studied and better understood, even before (or at least alongside) attempting to carry out single-subject research on specific topographically focused issues related to past landscapes (towns; roads; centuriation; and so on); it is finally suggested that, in order to obtain an effective knowledge of past historical phases and transformations in Italian archaeological landscapes, the real challenge be identified with a radical change in mentality.

Bibliography:

Belvedere O. 2017, Archaeological Survey in Italy between Ancient Topography and Landscape Archaeology, in La prospezione archeologica: metodi tecnico-scientifici e approccio storico in Germania e in Italia, Survey-Archaeologie: naturwissenschaftlich-technische versus historische Methode in Italien und Deutschland, Rahden/Westf, pp. 21-28.

https://iris.unipa.it/retrieve/handle/10447/250004/472856/02_Belvedere.pdf

Campana S. Emptyscapes, http://www.emptyscapes.org/

Crow J., Turner S., Vionis A. K. 2011, Characterizing the Historic Landscapes of Naxos, in Journal of Mediterranean Archaeology, 24.1, pp. 111-137.

Crow J., Turner S. 2010, Unlocking historic landscapes in the eastern Mediterranean: two pilot studies using historic landscape characterisation, in Antiquity 84 (323), pp. 216-229

Crow J., Turner S. 2016, Landscape and settlement on Byzantine Naxos, in B. Krsmanović, L. Milanović (eds), Proceedings of the 23rd International Congress of Byzantine Studies, 22nd – 27th August 2016, Belgrade, Serbia, Serbian National Committee of AIEB, Belgrade, pp. 318-323

Fairclough, G., Wigley, A. 2005, Historic Landscape Characterisation: An English approach to landscape understanding and the management of change, in del Arbo, M-R & Orejas A. (eds), Landscapes as Cultural Heritage in the European Research, Proceedings of COST A27 Workshop, Madrid 2004, pp. 87-106.

Fairclough, G. 2012, A prospect of time: interactions between landscape architecture and archaeology, in Bell S., I. S. Herlin, Stiles R. (eds), Exploring the Boundaries of Landscape Architecture, London and New York, pp. 81-114.

May, D. E. 2015, The development and use of characterisation-based approaches to manage historic landscapes, in Acta Universitatis Lodziensis. Folia Geographica Socio-Oeconomica, 22, pp. 127-140

Nellemann, V. 2007, Landscape characterisation and planning, LancewadPlan 19.06.2007 http://www.lancewadplan.org/Conference/Presentation-Nellemann.pdf

Pietrobono S, Turner S. 2010, Comparing methods in European context: Historic Landscape Characterisation and new perspectives for research in Italy, «Archeologia Postmedievale», 14, 2010 (2013), pp. 111-133.

Pietrobono, S; Turner, S. 2016, Comparing landscapes : the castle of Ambrifi (Lenola, Latina) and the N-LINK project, in «Lazio e Sabina 11», Atti del convegno, a cura di Russo Tagliente A., Ghini G., Mari Z., Undicesimo incontro di studi sul Lazio e la Sabina, Roma 4-6 giugno 2014, Rome, pp. 285-288.

Pietrobono, S. 2016, «moult nous seront loing à retorner là dont nouz venîmes»: i paesaggi delle frontiere normanne in Inghilterra e Italia», in Archeologia Medievale 43, n. 43, pp. 399-415 

Turner S., Bolòs J., Kinnaird T. 2017, Changes and continuities in a Mediterranean landscape: a new interdisciplinary approach to understanding historic character in western Catalonia, in Landscape Research, pp. 1-17

http://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/01426397.2017.1386778

Kinnaird T., Bolòs J., Turner A., Turner S. 2017, Optically-stimulated luminescence profiling and dating of historic agricultural terraces in Catalonia (Spain), in Journal of Archaeological Science, 78, February 2017, pp. 66-77

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0305440316301662

Widgren, M. 2012: Landscape research in a world of domesticated landscapes: The role of values, theory, and concepts, in Quaternary International, 251, pp. 117-124.

References:

European Landscape Convention 2000

Carta dei Caratteri del Paesaggio, Regione Toscana, Centro Interuniversitario Scienze del Territorio.

Advertisements

E fu così …

… fu così che, dopo un lungo periodo di affanni e studio, durato esattamente 24 mesi calcolando il tutto dalle prime avvisaglie del concorso all’assunzione finale, mi sono trovata ad affrontare questa mia nuovissima esperienza quale funzionario archeologo per il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Per riprendere a scrivere sul blog dopo tanto tempo ho dovuto riprogrammare, ma soprattutto adattare le mie esperienze di studio ai doveri che mi saranno assegnati in futuro. Un processo che valuterò con il tempo.

La mia sede di lavoro si trova a Tivoli, si chiama VA-VE-SE in forma abbreviata ed è uno dei recenti Istituti Autonomi organizzati dall’ultima riforma del settore dei Beni Culturali. Il suo nome per esteso rivela la variegata sostanza dell’Istituto, che racchiude difatti Villa Adriana, Villa D’Este e il Santuario di Ercole Vincitore, tre assolute meraviglie del patrimonio culturale italiano che si trovano concentrate a Tivoli. I tre nuclei dell’Istituto possiedono molti punti in comune, anche se non sempre visibili a prima vista, e tutti sono connessi al paesaggio ed ai vari significati che possono essere rintracciati al suo interno.

196391-131-D2198979

Il primo aspetto che affronterò sarà ovviamente la condivisione della conoscenza possibile sui vari monumenti, aiutandomi con gli articoli rintracciati su internet. Il resto si valuterà con il tempo. Spero inoltre di aggiornare regolarmente il sito con notizie su incontri e conferenze ai quali potrò partecipare.

A presto in questa nuova avventura insieme e soprattutto: Buon NATALE a tutti voi

Lotto_sacra_famiglia_angeli_e_santi_louvre
Collections of the Louvre, The Holy Family with St. John the Baptist, between 1536 and circa 1537

Gli Archivi

La riorganizzazione del MiBACT è come una droga, una volta che hai iniziato a studiarla non riesci più a fermarti.

Qualche post fa avevo elencato:

Alla Direzione Centrale Archivi risultano assegnati
1. Istituto centrale per gli archivi
2. Archivio centrale dello Stato (Istituto dotato di autonomia speciale)
3. 15 Soprintendenze archivistiche e bibliografiche e 8 archivi di Stato (Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Torino, Venezia )
Circa questi 8 magici Archivi la spiegazione è semplice, la copio ed incollo dal sito del Ministero, Direzione Generale Archivi:

«Gli Archivi di Stato sono presenti in ogni città capoluogo di provincia, per un totale di 100 sedi. Conservano, in molti casi in edifici di grande rilevanza storica e architettonica, gli archivi delle amministrazioni centrali e periferiche degli Stati preunitari e gli archivi delle amministrazioni periferiche dello Stato unitario, che vi sono versati una volta passati 30 anni dalla conclusione della pratica.
Otto di essi sono uffici di livello dirigenziale non generale (Firenze, Milano, Napoli, Roma, Torino, Venezia, Bologna, Genova), i restanti sono diretti da funzionari.

Le Sezioni di Archivio di Stato sono presenti in 33 città non capoluoghi di provincia, ove sono conservati rilevanti fondi archivistici relativi alla storia del territorio.

Gli Archivi di Stato sono dotati di autonomia tecnico-scientifica e svolgono funzioni di tutela e valorizzazione dei beni archivistici in loro consegna, assicurandone la pubblica fruizione, nonché funzioni di tutela degli archivi, correnti e di deposito, dello Stato. Gli Archivi di Stato possono sottoscrivere, anche per fini di didattica, convenzioni con enti pubblici e istituti di studio e ricerca.
Gli Archivi di Stato provvedono all’acquisto di beni e servizi in economia ed effettuano lavori di importo non superiore a 100.000 euro.
In caso di assenza di personale tecnico-amministrativo o per altre esigenze di carattere organizzativo, gli Archivi di Stato possono chiedere al Segretariato regionale, entro trenta giorni dalla pubblicazione del decreto ministeriale di approvazione della programmazione degli interventi, di svolgere le funzioni di stazione appaltante per attività di cui al comma 2.
Con decreto ministeriale di natura non regolamentare, adottato ai sensi dell’articolo 17, comma 4-bis, lettera e), della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, e dell’articolo 4, commi 4 e 4-bis, del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, possono essere individuati gli Archivi di stato aventi natura di uffici dirigenziali di livello non generale.

(art. 37 del dcpm 29 agosto 2014/171)»

La distinzione magica in questo caso è:

  • i mitici 8 archivi sono diretti da dirigenti di livello non generale;
  • gli altri da funzionari che dirigono a livello non dirigenziale.

Capito?

Poli Museali Regionali

GalleriaNazionale01Vg

Ad esclusione delle Regioni Sicilia, Trentino-Alto Adige e Valle d’Aosta, 17 Poli Museali si distribuiscono nelle restanti. I siti in elenco sono copiati dal web del MiBACT e mi rifiuto di controllare tutte le variazioni tra i vari decreti, se ci sono errori prendetevela con il Ministero.

1. Polo museale del Piemonte, con sede a Torino

Abbazia di Fruttuaria – San Benigno Canavese (Torino
Abbazia di Vezzolano — Albugnano (Asti)
Castello di Moncalieri (Torino)
Castello di Serralunga d’Alba (Cuneo)
Complesso Monumentale del Castello Ducale, Giardino e Parco d’Agliè (Torino)
Complesso Monumentale del Castello e Parco di Racconigi (Cuneo)
Forte di Gavi (Alessandria)
Palazzo Carignano — Torino
Villa della Regina — Torino

2. Polo museale della Lombardia, con sede a Milano

Museo – Cappella Espiatoria – via Matteo da Campione, 7 – 20900 Monza (MB)
Museo – Cenacolo Vinciano – piazza Santa Maria delle Grazie, 2 – 20121 Milano (MI)
Museo – Certosa di Pavia – Via del Monumento, 4 – 27012 Certosa di Pavia (PV)
Museo – Palazzo Besta – Via Besta, 1 – 23036 Teglio (SO)
Museo – Grotte di Catullo – Piazza Orti Manara, 4 – 25019 Sirmione (BS)
Museo – Castello Scaligero – Viale Guglielmo Marconi, 2 – 25019 Sirmione (BS)
Museo – MUPRE della Preistoria della Val Camonica – via San Martino, 7 – 25044 Capo di Ponte (BS)
Museo – Archeologico Nazionale di Mantova – Piazza Castello, 1 – 46100 Mantova (MN)
Museo – Archeologico Nazionale della Lomellina – Piazza Ducale, 20 – 27029 Vigevano (PV)
Museo – Archeologico Nazionale della Valle Camonica – Via Roma, 29 – 25040 Cividate Camuno (BS)

3. Polo museale del Veneto, con sede a Venezia

Complesso di San Gaetano – Sede espositiva Collezione Salce — Treviso
Complesso di Santa Margherita – Sede di conservazione Collezione Salce — Treviso
Galleria “Giorgio Franchetti” alla Ca’ d’Oro — Venezia
Museo Archeologico di Quarto d’Altino (Venezia)
Museo Archeologico di Venezia — Venezia
Museo Archeologico Nazionale (barchessa di Villa Badoer) — Fratta Polesine (Rovigo)
Museo Archeologico Nazionale Concordiese — Portogruaro (Venezia)
Museo Archeologico Nazionale della Laguna di Venezia — Venezia
Museo Archeologico Nazionale di Adria (Rovigo)
Museo Archeologico Nazionale di Verona
Museo d’Arte Orientale — Venezia
Museo di Palazzo Grimani — Venezia
Museo Nazionale Atestino — Este (Padova)
Museo Nazionale di Archeologia del Mare — Caorle (Venezia)
Museo Nazionale di Villa Pisani — Stra (Venezia)
Villa del Bene — Dolcè (Verona)

4. Polo museale del Friuli Venezia Giulia, con sede a Trieste

Museo Archeologico Nazionale — Cividale del Friuli (Udine)
Museo Archeologico Nazionale e Cripta degli scavi Basilica S.M. Assunta — Aquileia
(Udine)
Museo Nazionale di Archeologia Subacquea — Grado (Gorizia)
Museo Paleocristiano — Aquileia (Udine)

5. Polo museale della Liguria

Castello di San Terenzo — Lerici (La Spezia)
Forte di Santa Tecla — Sanremo (Imperia)
Forte San Giovanni — Final Borgo (Savona)
Fortezza di Castruccio Castracani — Sarzana (La Spezia)
Fortezza Firmafede — Sarzana (La Spezia)
Museo Archeologico Nazionale Palazzo Rocca — Chiavari (Genova)
Museo Archeologico Nazionale e zona archeologica di Luni (La Spezia)
Museo Preistorico dei “Balzi Rossi” e zona archeologica — Ventimiglia (Imperia)
Villa Romana del Varignano — Porto Venere (La Spezia)
Villa Rosa, Museo dell’Arte Vetraria Altarese — Altare (Savona)
Nota:
Ai sensi del decreto ministeriale 27 novembre 2014, recante «Articolazione degli uffici dirigenziali di livello non generale del Ministero», nelle Regioni Liguria, Marche e Umbria, la funzione di direttore del Polo museale regionale è svolta, rispettivamente, dal direttore del Palazzo reale di Genova, dal direttore della Galleria Nazionale delle Marche e dal direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria.

6. Polo museale dell’Emilia Romagna, con sede a Bologna

Abbazia di Pomposa e Museo Pomposiano — Codigoro (Ferrara)
Antica Spezieria di San Giovanni Evangelista — Parma
Basilica di Sant’Apollinare in Classe — Ravenna
Battistero degli Ariani — Ravenna
Camera di San Paolo — Parma
Casa Minerbi — Ferrara
Casa Pascoli — San Mauro Pascoli (Forlì-Cesena)
Castello di Canossa e Museo Nazionale “Naborre Campanini” — Reggio Emilia
Castello di Torrechiara — Langhirano (Parma)
Cella di Santa Caterina — Parma
Ex Chiesa di San Barbaziano — Bologna
Ex Chiesa di San Mattia — Bologna
Fortezza di San Leo — Rimini
Mausoleo di Teodorico — Ravenna
Museo Archeologico Nazionale di Ferrara
Museo Archeologico Nazionale di Sarsina (Forlì-Cesena)
Museo dell’età neoclassica in Romagna in Palazzo Milzetti — Faenza (Ravenna)
Museo di Casa Romei — Ferrara
Museo Nazionale del Castello Malaspina — Bobbio (Piacenza)
Museo Nazionale di Ravenna
Museo Nazionale Etrusco – Marzabotto (Bologna)
Palazzo di Teodorico Ravenna
Pinacoteca Nazionale di Bologna
Torre Jussi — Bologna

7. Polo museale della Toscana, con sede a Firenze

Abbazia di Soffena — Castelfranco di Sopra (Arezzo)
Basilica di San Francesco — Arezzo
Cappella del Taja nel Palazzo ex Barabesi – Siena
Cenacolo del Fuligno — Firenze
Cenacolo di Andrea del Sarto — Firenze
Cenacolo di Ognissanti — Firenze
Cenacolo di Sant’Apollonia — Firenze
Certosa Monumentale — Calci (Pisa)
Chiesa del Santuccio  – Siena
Chiesa di Santa Maria delle Nevi – Siena
Chiostro dello Scalzo — Firenze
Eremo di San Leonardo al Lago — Monteriggioni (Siena)
Ex Chiesa del Tau — Pistoia
Fortezza di Santa Barbara — Pistoia
Giardino della Villa a Castello — Firenze
Giardino di Villa Il Ventaglio — Firenze
Museo Archeologico Nazionale di Chiusi
Museo Archeologico Nazionale di Cosa – Ansedonia/Grosseto
Museo Archeologico di Siena
Museo Archeologico Nazionale “Gaio Cilnio Mecenate” — Arezzo
Museo Archeologico Nazionale di Firenze
Museo Archeologico statale di Castiglioncello (Livorno)
Museo delle Arti e Tradizioni Popolari dell’Alta Valle del Tevere (Palazzo Taglieschi) — Anghiari (Arezzo)
Museo di Casa Giusti — Monsummano Terme (Pistoia)
Museo di Casa Vasari — Arezzo
Museo di San Marco — Firenze
Museo e galleria Mozzi Bardini — Firenze
Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna — Arezzo
Museo Nazionale delle Residenze Napoleoniche – “Palazzina dei Mulini” — Portoferraio (Livorno)
Museo Nazionale delle Residenze Napoleoniche – “Villa di San Martino” — Portoferraio (Livorno)
Museo Nazionale di Palazzo Reale — Pisa
Museo Nazionale di San Matteo — Pisa
Museo Nazionale di Villa Guinigi — Lucca
Oratorio di San Desiderio — Pistoia
Palazzo Chigi Piccolomini alla Postierla – Siena
Pinacoteca Nazionale — Siena
Pinacoteca Nazionale e Museo di Palazzo Mansi — Lucca
Sala del Perugino — Firenze
Villa Brandi – Vignano/Siena
Villa Corsini a Castello — Firenze
Villa Medicea della Petraia — Firenze
Villa Medicea di Cerreto Guidi e Museo storico della Caccia e del territorio — Firenze
Villa Medicea di Poggio a Caiano e Giardino (Prato)
Villa Pandolfini — Firenze

8. Polo museale dell’Umbria

Castello Bufalini — San Giustino (Perugia)
Museo Archeologico Nazionale — Orvieto (Terni)
Museo Archeologico Nazionale — Perugia
Museo Archeologico Nazionale e Teatro Romano — Spoleto (Perugia)
Museo Nazionale del Ducato di Spoleto — Spoleto (Perugia)
Palazzo Ducale — Gubbio (Perugia)
Tempietto sul Clitunno — Campello sul Clitunno (Perugia)
Villa del Colle del Cardinale — Perugia
Nota:
Ai sensi del decreto ministeriale 27 novembre 2014, recante «Articolazione degli uffici dirigenziali di livello non generale del Ministero», nelle Regioni Liguria, Marche e Umbria, la funzione di direttore del Polo museale regionale è svolta, rispettivamente, dal direttore del Palazzo reale di Genova, dal direttore della Galleria Nazionale delle Marche e dal direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria.

9. Polo museale delle Marche

Antiquarium Statale – Numana (Ancona)
Museo Archeologico Nazionale delle Marche — Ancona
Museo Archeologico Statale di Arcevia (Ancona)
Museo Archeologico Statale — Ascoli Piceno
Museo Archeologico Statale — Urbisaglia (Macerata)
Museo Archeologico Statale di Cingoli Moscosi (Macerata)
Museo Tattile Statale “Omero” — Ancona Rocca Demaniale — Gradara (Pesaro-Urbino) Rocca Roveresca — Senigallia (Ancona)
Nota:
Ai sensi del decreto ministeriale 27 novembre 2014, recante «Articolazione degli uffici dirigenziali di livello non generale del Ministero», nelle Regioni Liguria, Marche e Umbria, la funzione di direttore del Polo museale regionale è svolta, rispettivamente, dal direttore del Palazzo reale di Genova, dal direttore della Galleria Nazionale delle Marche e dal direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria.

10. Polo museale del Lazio, con sede a Roma

Abbazia di Casamari — Veroli (Frosinone)
Abbazia di Fossanova — Priverno (Latina)
Abbazia di Montecassino — Cassino (Frosinone)
Abbazia. Greca di San Nilo — Grottaferrata (Roma)
Area Archeologica di Villa Adriana — Tivoli (Roma)
Basilica di San Francesco — Viterbo
Basilica di San Cesareo de Appia — Roma
Biblioteca di Archeologia e Storia dell’Arte (Palazzo Venezia) — Roma
Cappella dell’Annunziata — Cori (Latina)
Casa di San Tommaso — Aquino (Frosinone)
Castello di Giulio II – Roma
Certosa di Trisulti Collepardo (Frosinone)
Chiesa di Santa Maria Maggiore — Tuscania (Viterbo)
Chiesa di San Pietro — Tuscania (Viterbo)
Galleria Spada — Roma
Monastero di San Benedetto Sacro Speco — Subiaco (Roma)
Monastero di Santa Scolastica — Subiaco (Roma)
Monumento a Vittorio Emanuele II (Vittoriano) — Roma
Museo Archeologico dell’Agro Falisco e Forte Sangallo — Civita Castellana (Viterbo)
Museo Archeologico di Fulci – Viterbo
Museo Archeologico Nazionale — Civitavecchia (Roma)
Museo Archeologico Nazionale – Formia (Latina)
Museo Archeologico Nazionale -Tarquinia (Viterbo)
Museo Archeologico Nazionale di Palestrina e Santuario della Fortuna Primigenia
(Roma)
Museo Archeologico Nazionale e Area Archeologica — Sperlonga (Latina)
Museo Archeologico Nazionale “G.Carettoni” e area Aecheologica di Casinum – Cassino (Frosinone
Museo Boncompagni Ludovisi per le Arti Decorative, il Costume e la Moda dei secoli
XIX e XX — Roma
Museo dell’Alto Medioevo — Roma
Museo delle Navi Romane di Nemi (Roma)
Museo Giacomo Manzù — Ardea (Roma)
Museo Hendrik Christian Andersen — Roma
Museo Mario Praz — Roma
Museo Nazionale Archeologico Cerite — Cerveteri (Roma)
Museo Nazionale d’Arte Orientale “Giuseppe Tucci” — Roma
Museo Nazionale degli Strumenti Musicali — Roma
Museo Nazionale del Palazzo di Venezia — Roma
Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo — Roma
Museo Nazionale Etrusco di Rocca Albornoz — Viterbo
Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia — Roma
Museo Nazionale Preistorico ed Etnografico “Luigi Pigorini” — Roma
Palazzo Altieri — Oriolo Romano (Viterbo)
Palazzo Farnese — Caprarola (Viterbo)
Pantheon — Roma
Santuario Madonna della Quercia — Viterbo
Torre di Cicerone — Arpino (Frosinone)
Villa d’Este — Tivoli (Roma)
Villa Giustiniani — Bassano Romano (Viterbo)
Villa Lante Bagnaia — Viterbo

11. Polo museale dell’Abruzzo, con sede a Chieti

Abbazia di San Clemente a Casauria — Castiglione a Casauria (Pescara)
Abbazia di San Giovanni in Venere – Fossacesia (Chieti)
Abbazia di Santo Spirito al Morrone — Sulmona (L’Aquila)
Castello Piccolomini – Celano (L’Aquila)
Chiesa di San Bartolomeo — Carpineto della Nora (Pescara)
Chiesa di San Bernardino – L’Aquila
Chiesa di San Domenico al Corso — Chieti
Chiesa di San Pietro in Alba Fucens — Massa d’Albe (L’Aquila)
Chiesa San Pietro ad Oratorium — Capestrano (L’Aquila)
MUSè – Nuovo Museo Paludi di Celano — Centro di Restauro (L’Aquila)
Museo “Casa natale di Gabriele D’Annunzio” — Pescara
Museo “La Civitella” Chieti
Museo Archeologico di Campli (Teramo)
IVIuseo Archeologico Nazionale d’Abruzzo – Villa Frigerj — Chieti
Museo d’Arte Sacra della Marsica — Celano (L’Aquila)
Museo Nazionale d’Abruzzo — L’Aquila
Taverna Ducale — Popoli (Pescara)

12. Polo museale del Molise, con sede a Campobasso

Castello di Capua — Gambatesa (Campobasso)
Castello di Civitacampomarano — Campobasso
Complesso Monumentale di San Vincenzo a Volturno (Isernia)
Museo Archeologico di Santa Maria delle Monche – Isernia
Museo Archeologico di Venafro (Isernia)
Museo della città e del territorio -Sepino (Campobasso
Museo Nazionale di Castello Pandone — Venafro (Isernia)
Museo Nazionale del Paleolitico di Isernia
Museo Provinciale Sannitico — Campobasso
Palazzo Pistilli — Campobasso
* nota 1
Nella regione Molise le funzioni di Direttore di Polo museale regionale sono svolte dal Segretario regionale della medesima regione

13. Polo museale della Campania, con sede a Napoli

NAPOLI e PROVINCIA
Certosa e Museo di San Martino
Castel Sant’Elmo
Complesso dei Girolamini
Museo Duca di Martina
Museo Pignatelli
Palazzo Reale di Napoli
Parco e Tomba di Virgilio
Certosa di San Giacomo – Capri
Villa Jovis Capri
Grotta Azzurra Capri
Museo Archeologico dei Campi Flegrei- Bacoli
Museo Archeologico territoriale della penisola sorrentina  “Georges Vallet”
Museo storico archeologico di Nola – Nola
PROVINCIA di CASERTA  
Anfiteatro Campano – Santa Maria Capua Vetere
Museo archeologico dell’antica Allifae- Alife
Museo archeologico dell’antica Capua e Mitreo
Museo archeologico di Teanum Sidicinum – Teano
Museo archeologico dell’antica Calatia – Maddaloni
Museo archeologico dell’Agro atellano – Succivo
Reggia di Carditello – San Tammaro
Teatro romano di Teanum Sidicinum
PROVINCIA di  SALERNO
Certosa di San Lorenzo – Padula
Museo archeologico nazionale di Eboli e della media valle del Sele – Eboli
Musei archeologico nazionale di Pontecagnano
Museo archeologico nazionale della Valle del Sarno – Sarno
PROVINCIA di AVELLINO 
Museo del Palazzo della Dogana dei Grani- Atripalda
Museo di San Francesco a Folloni – Montella
PROVINCIA di BENEVENTO
Museo archeologico nazionale del Sannio Caudino – Montesarchio

14. Polo museale della Puglia, con sede a Bari

Antiquarium e zona archeologica di Canne della Battaglia  – Barletta
Castel del Monte — Andria (Barletta-Andria-Trani)
Castello Angioino — Copertino (Lecce)
Castello Svevo — Bari
Castello Svevo — Trani (Barletta-Andria-Trani)
Chiostro del Convento di San Domenico – Taranto
Galleria Nazionale della Puglia “Girolamo e Rosaria Devanna” — Bitonto (Bari)

Museo Archeologico Nazionale — Gioia del Colle (Bari)

Museo Archeologico Nazionale e zona archeologica di Egnazia — Fasano (Brindisi) Museo Nazionale Archeologico — Altamura (Bari)
Museo Nazionale Archeologico di Manfredonia (Foggia) Museo Nazionale Jatta — Ruvo di Puglia (Bari)
Palazzo Sinesi — Canosa di Puglia (Barletta-Andria-Trani)

15. Polo museale della Basilicata, con sede a Matera

Area archeologica di Venosa (Potenza)
Castello di Lagopesole – Avigliano (Potenza)
Chiesa del Cristo flagellato ed ex ospedale di San Rocco – Matera
Museo Archeologico Nazionale dell’Alta Val d’Agri — Grumento Nova (Potenza)
Museo Archeologico Nazionale della Basilicata “Dinu Adamesteanu” — Potenza
Museo Archeologico Nazionale del Melfese “Massimo Pallottino” — Melfi (Potenza)
Museo Archeologico Nazionale di Metaponto — Bernalda (Matera)
Museo Archeologico Nazionale di Muro Lucano (Potenza)
Museo Archeologico Nazionale — Venosa (Potenza)
Museo Nazionale della Siritide — Policoro (Matera)
Museo Nazionale “Domenico Ridola” Matera
Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna della Basilicata — Matera
Palazzo de Lieto – Maratea (Potenza)
Sede espositiva in Palazzo Ducale — Tricarico (Matera)

16. Polo museale della Calabria, con sede a Cosenza

Complesso Monumentale di San Domenico – Lamezia Terme (Catanzaro)
Chiesa di San Francesco d’Assisi — Gerace Reggio Calabria)
Galleria Nazionale di Cosenza
La Cattolica — Stilo (Reggio Calabria)
Le Castella — Isola di Capo Rizzuto (Crotone)
Museo Archeologico e Antiquarium “Archeoderi” – Bova Marina (Reggio Calabria)
Museo Archeologico Lametino – Lamezia Terme
Museo Archeologico di Metauros  – Gioia Tauro (Reggio Calabria)
Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi” — Vibo Valentia
Museo Archeologico Nazionale di Crotone
Museo Archeologico Nazionale di Amendolara  – Lamezia Terme (Catanzaro)
Museo Archeologico Nazionale e Parco Archeologico della Sibaritide — Cassano
all’Ionio — Cosenza
Museo del Risorgimento – Catanzaro
Museo e Parco Archeologico dell’Antica Kaulon — Monasterace (Reggio Calabria) Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone) Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri (Reggio Calabria) Museo e Parco Archeologico Nazionale di Scolacium — Borgia (Catanzaro)
Museo Statale — Mileto (Vibo Valentia)

17. Polo museale della Sardegna, con sede a Cagliari

Altare Prenuragico di Monte d’Accoddi — Sassari
Antiquariurn Turritano e Zona Archeologica — Porto Torres (Sassari)
Area Archeologica “Su Nuraxi” — Barumini (Medio Campidano)
Basilica di San Saturnino — Cagliari
Compendio Garibaldino e Museo Nazionale “Memoriale Giuseppe Garibaldi” (Isola di Caprera) — La Maddalena (Olbia-Tempio)
Ex Regio Museo Archeologico – Cagliari
Museo Archeologico Nazionale — Cagliari
Museo Archeologico Nazionale “Giorgio Asproni” — Nuoro
Museo Nazionale Archeologico – Etnografico “Giovanni Antonio Sanna” — Sassari
Pinacoteca Nazionale  di Sassari
Pinacoteca Nazionale di Cagliari
Spazio San Pancrazio – Cagliari.

 

Non vorrei dire una stupidaggine, ma alla Soprintendenza Speciale ASBAP di Roma, dopo il distacco dal Colosseo dovrebbero essere rimasti questi luoghi:
Arco di Malborghetto;
Basilica sotterranea di Porta Maggiore;
Deposito pleistocenico della Polledrara di Cecanibbio;
Fontana di Anna Perenna;
Ipogeo degli Ottavi;
Mausoleo «La Celsa»;
Mausoleo di Sant’Elena;
Necropoli di Villa Doria Pamphilj;
Parco archeologico di Crustumerium;
Parco archeologico di Gabii;
Villa del cimitero Flaminio;
Villa di Livia.

Quando avranno le idee più chiare ce lo faranno sapere.

Parchi Archeologici di rilevante interesse nazionale

Con molta fatica, siamo arrivati agli ultimi elenchi. Al decreto 9 aprile 2016, recante «Disposizioni in materia di aree e parchi archeologici e istituti e luoghi della cultura di
rilevante interesse nazionale», sono state apportate modificazioni.

Al DM 9/04/2016 i luoghi della cultura di rilevante interesse erano 5, a Gennaio 2017 sono diventati 7:

1 – Il Parco Archeologico dei Campi Flegrei

1-bis Il Parco Archeologico del Colosseo

2 – Il Parco Archeologico dell’Appia Antica

3 – Il Parco Archeologico di Ercolanum

4 – Il Parco Archeologico di Ostia Antica

5 – Il Parco Archeologico di Paestum

5-bis Il Parco Archeologico di Pompei

Quanto sono estesi?

Art 5. Parco archeologico dei Campi Flegrei
1. Al Parco archeologico dei Campi Flegrei sono assegnati gli istituti e luoghi della cultura, immobili e/o complessi situati nei Comuni di Bacoli, Giugliano in Campania, Monte di Procida e Pozzuoli, in provincia di Napoli, indicati nell’allegato 2 del decreto ministeriale 23 dicembre 2014, e successive modificazioni.

Li abbiamo elencati nella diversa sezione, ma li ripeto:

Anfiteatro di Cuma – Bacoli (Napoli)
Anfiteatro di Liternum – Giugliano in Campania (Napoli)
Anfiteatro Flavio, Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Cento Camerelle, Bauli – Bacoli (Napoli)
Grotta della Dragonara, Misenum – Bacoli (Napoli)
Grotta di Cocceio – Pozzuoli (Napoli)
Ipogei del Fondo Caiazzo, settore della necropoli di Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia – Bacoli (Napoli)
Necropoli c.d. di San Vito, settore della necropoli di Puteoli -Pozzuoli (Napoli)
Necropoli di Cappella, Misenum – Monte di Procida (Napoli)
Necropoli di via Celle, settore della necropoli di Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Parco Archeologico delle Terme di Baia – Bacoli (Napoli)
Parco archeologico di Cuma – Pozzuoli (Napoli)
Parco archeologico di Liternum – Giugliano in Campania (Napoli)
Parco Archeologico Sommerso di Baia – Bacoli (Napoli)
Parco Monumentale di Baia – Bacoli (Napoli)
Piscina Mirabilis, Misenum – Bacoli (Napoli)
Sacello degli Augustali, Misenum – Bacoli (Napoli)
Stadio di Antonino Pio, Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Teatro romano, Misenum – Bacoli (Napoli)
Tempio c.d. di Diana, Baia – Bacoli (Napoli)
Tempio c.d. di Venere, Baia – Bacoli (Napoli)
Tempio c.d. di Apollo, lago d’Averno – Pozzuoli (Napoli)
Tempio c.d. di Serapide, Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Tomba c.d. di Agrippina, Bauli – Bacoli (Napoli)

Art. 5-bis. (Parco archeologico del Colosseo).

1. Al Parco archeologico del Colosseo sono assegnati i luoghi della cultura, immobili e/o complessi, situati nel Comune di Roma, indicati nell’allegato 2 del decreto 23 dicembre 2014, e successive modificazioni, nonche’ ogni altro monumento o immobile, ricompreso nell’area di cui al comma 2, gia’ di competenza della Soprintendenza speciale per il Colosseo e l’area archeologica centrale.
2. Oltre a quanto stabilito dall’art. 4, comma 3, del presente decreto, il direttore del Parco archeologico del Colosseo esercita le funzioni spettanti ai soprintendenti archeologia, belle arti e paesaggio sull’area archeologica di cui all’accordo tra il Ministero e Roma Capitale per la valorizzazione dell’area archeologica centrale sottoscritto in data 21 aprile 2015, delimitata in particolare, come da planimetria riportata quale allegato A al presente decreto, dalle seguenti vie: Via del Circo Massimo; Via dell’Ara Massima di Ercole; Via di S. Teodoro; Via del Foro Romano; (adiacente a) Piazza Venezia; (adiacente a) Piazza Madonna di Loreto; Via Magnanapoli; Largo Magnanapoli; Salita del Grillo; Piazza del Grillo; Via Tor dei Conti; Largo Corrado Ricci; Via dei Fori Imperiali; Via delle Terme di Tito; Via delle Sette Sale; Via delle Terme di Traiano; Viale Fortunato Mizzi; Via della Domus Aurea; Via di S. Giovanni; (adiacente a) Piazza del Colosseo; Via Celio Vibenna; Via di S. Gregorio; Piazza di Porta Capena. Con riguardo alle funzioni di cui al presente comma, il coordinamento e l’indirizzo sul Parco archeologico del Colosseo sono esercitati dalla Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio.

Nella diversa sezione si sono trovati assegnati:

Anfiteatro Flavio (Colosseo) – Roma
Arco di Costantino – Roma
Domus Aurea – Roma
Foro romano e Palatino – Roma
Meta Sudans – Roma

Art. 6. Parco archeologico dell’Appia antica
1. I confini del Parco archeologico dell’Appia antica coincidono con quelli del Parco  Regionale dell’Appia Antica, istituto con legge della Regione Lazio 10 novembre 1988, n. 66.
2. Ai sensi dell’art. 6, comma 2, del decreto 23 gennaio 2016, il direttore del Parco  archeologico dell’Appia antica e’ altresi’ responsabile del progetto di valorizzazione dell’intera strada consolare. A tal fine, il direttore coordina tutte le iniziative riguardanti l’Appia antica sul territorio nazionale.

Nella diversa sezione si sono trovati assegnati:

Acquedotti dell’Acqua Marcia, Acqua Claudia e Annio Novus – Roma
Acquedotto dei Quintilii – Roma
Antiquarium di Lucrezia Romana – Roma
Mausoleo di Cecilia Metella – Roma
Tombe della via Latina – Roma
Tratto demaniale della via Appia con annessi monumenti e mausolei – Roma
Villa dei Quintili – Santa Maria Nova – Roma
Villa dei Sette Bassi – Roma
Villa di Capo di Bove – Roma

Art. 7. Parco archeologico di Ercolano
1. Il Parco archeologico di Ercolano e’ cosi’ delimitato:
a) confine lato nord: il tracciato di corso Resina, traversa 1 mercato /via Fontana e corso Italia dall’incrocio con il muro di confine del parco della Reggia di Portici all’incrocio con via Alveo;
b) confine lato est: la linea che da corso Italia prosegue fino al mare, lungo il tracciato di via Alveo, via Aldo Moro, via Plinio; c) confine lato sud: il mare nel tratto compreso tra via Plinio e via Mortelle;
d) confine lato ovest: il confine tra i comuni di Portici e Ercolano, che segue il tracciato di via Mortelle fino a corso Resina.

Ha ricevuto assegnato l’area del Parco Archeologico

Art. 8 Parco archeologico di Ostia antica
1. Il Parco archeologico di Ostia antica e’ costituito dalle aree archeologiche di Ostia antica e Isola Sacra, dal complesso degli antichi Porti di Claudio e Traiano, ed e’ cosi’ delimitato:
a) confine lato nord: via Portuense, viale di Porto, viale del lago di Traiano, rampe autostrada, rotonda martiri di Kindu, recinzione aeroportuale, viale del porto di Traiano;
b) confine lato sud ovest: dalla antica linea di costa corrispondente all’allineamento di via della Scafa con le recinzioni delle aree demaniali di Ostia antica e delle ville costiere di Procoio, fino all’intersezione con via di Castel Fusano;
c) confine lato est: dalla via di Castel Fusano, via Ostiense, via del Collettore Primario e fiume Tevere, fino all’intersezione con la via Portuense;
d) confine lato ovest: da viale Coccia di morto, vicolo Coccia di morto, via del Branzino, via dei Mitili, via della Foce Micina, fossa Traiana fino all’intersezione con via della Scafa.

Complessi assegnati:

Aree archeologiche di Ostia Antica e Isola Sacra – Ostia (Roma)
Basilica di S. Ippolito e Antiquarium – Fiumicino (Roma)
Complesso degli antichi Porti di Claudio e Traiano – Fiumicino (Roma)
Iseo Portuense – Fiumicino (Roma)
Museo delle Navi – Fiumicino (Roma)
Necropoli della via Laurentina – Roma
Necropoli di Pianabella – Roma
Necropoli di Porto e Isola Sacra – Fiumicino (Roma)
Porti di Claudio e di Traiano – Roma
Saline di Ostia – Ostia (Roma)
Tor Boacciana – Ostia (Roma)
Ville Costiere – Ostia (Roma)

Art. 8-bis. (Parco archeologico di Pompei).

1. I confini del Parco archeologico di Pompei includono le seguenti aree di interesse archeologico:

a) all’interno del Comune di Pompei (Napoli), l’area cosi’ delimitata: il confine a nord, in corrispondenza della contrada Civita, ricalca quello territoriale del Comune di Pompei fino a via Grotta, via Provinciale Pizzo Martino e via Nolana, che costituiscono il limite est con l’inclusione del Santuario, per poi proseguire lungo la direttrice formata da via Piave, via Duca D’Aosta, via Astolelle II traversa fino all’autostrada Napoli-Salerno, che rappresenta il confine sud del territorio di competenza. A ovest il limite ricalca il confine territoriale del comune;
b) all’interno del Comune di Torre del Greco (Napoli): ad ovest il territorio di competenza coincide con il limite territoriale del comune (acque territoriali) includendo le aree demaniali di Villa Sora e Terme Ginnasio fino alla Traversa viale Campania (a nord), alla strada statale 18 Tirrena inferiore, a via Alcide De Gasperi (a est) e a via Litoranea (a sud);
c) all’interno del Comune di Boscoreale (Napoli): l’Area di Villa Regina e l’Antiquarium;
d) all’interno del Comune di Poggiomarino (Napoli): il Parco archeologico di Longola;

e) all’interno del Comune di Torre Annunziata (Napoli): l’area demaniale delle ville delimitata a sud da via Gioacchino Murat, ivi compreso lo Spolettificio e l’area della Real Fabbrica d’armi, delimitata da corso Garibaldi, via Carlo III, via Eolo, via Strada Pedonale, via G. Parini. Il limite nord coincide con via Vittorio Veneto. E’ inclusa la porzione di Pagus in localita’ traversa Andolfi;
f) all’interno dei Comuni di Castellammare di Stabia-Gragnano (Napoli): la competenza sul territorio del Comune di Castellammare di Stabia si estende sui fogli 6 e 15 del  catasto, corrispondenti alla Collina di Varano, includendo altresi’ l’adiacente porzione del Comune di Gragnano e, alle pendici del Faito, la Reggia del Quisisana;
g) all’interno del Comune di Lettere (Napoli): l’Area del Castello;
h) all’interno del Comune di Scafati (Salerno): l’area del Real Polverificio borbonico.

Complessi assegnati:

Antiquarium di Boscoreale (Napoli)
Area archeologica di Villa Sora – Torre del Greco (Napoli)
Area archeologica di Pompei – Pompei (Napoli)
Castello di Lettere (Napoli)
Parco archeologico di Longola – Poggiomarino (Napoli)
Ex Real Polverificio borbonico – Scafati (Salerno)
Reggia del Quisisana – Castellammare di Stabia (Napoli)
Scavi archeologici di Oplontis – Torre Annunziata (Napoli)
Scavi archeologici di Stabiae – Castellamare di Stabia (Napoli)
Sito archeologico di Villa Regina – Boscoreale (Napoli)

Paestum era già noto:

Area Archeologica di Paestum – Capaccio (Salerno)
Area Archeologica e Museo Narrante di Foce Sele – Capaccio (Salerno)
Museo Archeologico Nazionale di Paestum – Capaccio (Salerno)
la cinta muraria e l’edificio “Ex stabilimento Cirio”

 

Musei e parchi archeologici dotati di autonomia speciale al Maggio 2017

Torre di S. Gregorio

(N.B. 03/05/17 Ho dovuto mettere  mano alle circolari interne per capirci qualche cosa in più, e ad oggi  è risultato questo. Ho dovuto togliere un poco di periferici qui e là perché erano ridondanti. Va detto che solo con sotto gli occhi la ripartizione degli stipendi mi è entrata in testa la cosa. Evidentemente essere espliciti in sede di scrittura di decreti circa al fatto che si tratta solo di vile pecunia fa poco fine. In poche parole, quando al regolamento del 2014 leggete l’articolo 2, co. 2, lo dovete leggere così:

«Il Ministero si articola in undici uffici dirigenziali di livello generale centrali e dieci uffici dirigenziali di livello generale periferici, coordinati da un Segretario generale, nonché in un ufficio dirigenziale di livello generale presso gli Uffici di diretta collaborazione del Ministro e in un ufficio dirigenziale di livello generale presso l’Organismo indipendente di valutazione della performance».
Quindi, tralasciando gli Undici, che sono le Direzioni Generali, le danze iniziano con gli Uffici Periferici.)
«Elenco ricognitivo dei musei e dei parchi archeologici dotati di autonomia speciale»
Uffici Periferici:
1) la Galleria Borghese (dirigenziale di livello generale)
2) le Gallerie degli Uffizi (dirigenziale di livello generale)
3) la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma (dirigenziale di livello generale)
4) le Gallerie dell’Accademia di Venezia (dirigenziale di livello generale)
5) il Museo di Capodimonte (dirigenziale di livello generale)
6) il Museo Nazionale Romano (dirigenziale di livello generale)
7) il Parco Archeologico del Colosseo (dirigenziale di livello generale)
8) il Parco Archeologico di Pompei (dirigenziale di livello generale)
9) la Pinacoteca di Brera (dirigenziale di livello generale)
10) la Reggia di Caserta (dirigenziale di livello generale)
La Soprintendenza per il Colosseo e l’area archeologica centrale era un ufficio dirigenziale di livello generale periferico del Ministero, ma ora assume la denominazione di Soprintendenza speciale Archeologia, belle arti e paesaggio di Roma e non ha più la posizione generale, data al Parco Archeologico del Colosseo.
Uffici Periferici:
1) il Complesso monumentale della Pilotta (dirigenziale non generale)
2) la Galleria dell’Accademia di Firenze (dirigenziale non generale)
3) la Galleria Nazionale delle Marche (dirigenziale non generale)
4) la Galleria Nazionale dell’Umbria (dirigenziale non generale)
5) le Gallerie Estensi di Modena (dirigenziale non generale)
6) le Gallerie Nazionali d’arte antica di Roma (dirigenziale non generale)
7) i Musei reali di Torino (dirigenziale non generale)
8) il Museo delle Civiltà (dirigenziale non generale)
9) il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (dirigenziale non generale)
10) il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria (dirigenziale non generale)
11) il Museo Archeologico Nazionale di Taranto (dirigenziale non generale)
12) il Museo Nazionale del Bargello (dirigenziale non generale)
13) il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia (dirigenziale non generale)
14) il Museo storico e il Parco del Castello di Miramare (dirigenziale non generale)
15) il Parco archeologico dell’Appia antica (dirigenziale non generale)
16) il Parco archeologico dei Campi Flegrei (dirigenziale non generale)
17) il Parco archeologico di Ercolano (dirigenziale non generale)
18) il Parco archeologico di Ostia antica (dirigenziale non generale)
19) il Parco archeologico di Paestum (dirigenziale non generale)
20) il Palazzo Ducale di Mantova (dirigenziale non generale)
21) il Palazzo Reale di Genova (dirigenziale non generale)
22) Villa Adriana e Villa d’Este (dirigenziale non generale)
Attenzione all’Istituto centrale per l’archeologia, ufficio di livello dirigenziale non generale
«Elenco di istituti e luoghi della cultura e altri immobili e/o complessi assegnati ai musei e ai parchi archeologici dotati di autonomia speciale»
1) Complesso monumentale della Pilotta:
Biblioteca palatina – Parma
Galleria Nazionale – Parma
Museo Archeologico Nazionale – Parma
Teatro Farnese – Parma
2) la Galleria Borghese
Galleria Borghese, Roma
3) le Gallerie degli Uffizi
Cappella Palatina (Palazzo Pitti) – Firenze
Gabinetto Disegni e Stampe – Firenze
Galleria d’Arte Moderna (Palazzo Pitti) – Firenze
Galleria degli Uffizi e Corridoio Vasariano – Firenze
Galleria del Costume (Palazzo Pitti) – Firenze
Galleria Palatina e Appartamenti monumentali di Palazzo Pitti – Firenze
Giardino di Boboli – Firenze
Museo degli Argenti (Palazzo Pitti) – Firenze
Museo delle Carrozze (Palazzo Pitti) – Firenze
Museo delle Porcellane (Palazzo Pitti) – Firenze
Palazzo Pitti – Firenze
4) la Galleria dell’Accademia di Firenze
Galleria dell’Accademia e Museo degli Strumenti Musicali – Firenze
5) le Gallerie dell’Accademia di Venezia
Gallerie dell’Accademia – Venezia
6) la Gallerie Estensi
Biblioteca Estense – Modena;
Galleria Estense – Modena;
Museo Lapidario Estense – Modena;
Palazzo Ducale – Sassuolo (Modena);
Pinacoteca Nazionale di Ferrara – Ferrara
7) le Gallerie Nazionali d’arte antica di Roma
Galleria Nazionale d’arte antica in Palazzo Barberini – Roma
8) la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma
Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea – Roma
9) la Galleria Nazionale delle Marche
Galleria Nazionale delle Marche – Urbino
10) la Galleria Nazionale dell’Umbria
Galleria Nazionale dell’Umbria – Perugia
11) il Museo Archeologico Nazionale di Napoli
Museo Archeologico Nazionale – Napoli
12) il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria
Museo Archeologico Nazionale – Reggio Calabria
13) il Museo Archeologico Nazionale di Taranto
Museo Archeologico Nazionale – Taranto
14) Museo delle Civiltà:
Museo Nazionale d’arte orientale «Giuseppe Tucci» – Roma
Museo Nazionale Preistorico e Etnografico «Luigi Pigorini» – Roma
Museo Nazionale delle arti e tradizioni popolari – Roma
Museo dell’Alto Medioevo – Roma
15) il Museo di Capodimonte
Museo di Capodimonte – Napoli
Parco di Capodimonte – Napoli
16) il Museo Nazionale del Bargello
Cappelle Medicee – Firenze
Chiesa e Museo di Orsanmichele – Firenze
Museo della Casa Fiorentina Antica – Palazzo Davanzati – Firenze
Museo di Casa Martelli – Firenze
Museo Nazionale del Bargello – Firenze
17) Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia:
Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia – Roma
18) Museo Nazionale Romano:
Crypta Balbi – Roma
Palazzo Altemps – Roma
Palazzo Massimo – Roma
Terme di Diocleziano – Roma
19) Museo storico e Parco del Castello di Miramare:
Museo storico del Castello di Miramare – Trieste
Parco del Castello di Miramare – Trieste
20) Parco archeologico dei Campi Flegrei:
Anfiteatro di Cuma – Bacoli (Napoli)
Anfiteatro di Liternum – Giugliano in Campania (Napoli)
Anfiteatro Flavio, Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Cento Camerelle, Bauli – Bacoli (Napoli)
Grotta della Dragonara, Misenum – Bacoli (Napoli)
Grotta di Cocceio – Pozzuoli (Napoli)
Ipogei del Fondo Caiazzo, settore della necropoli di Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia – Bacoli (Napoli)
Necropoli c.d. di San Vito, settore della necropoli di Puteoli -Pozzuoli (Napoli)
Necropoli di Cappella, Misenum – Monte di Procida (Napoli)
Necropoli di via Celle, settore della necropoli di Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Parco Archeologico delle Terme di Baia – Bacoli (Napoli)
Parco archeologico di Cuma – Pozzuoli (Napoli)
Parco archeologico di Liternum – Giugliano in Campania (Napoli)
Parco Archeologico Sommerso di Baia – Bacoli (Napoli)
Parco Monumentale di Baia – Bacoli (Napoli)
Piscina Mirabilis, Misenum – Bacoli (Napoli)
Sacello degli Augustali, Misenum – Bacoli (Napoli)
Stadio di Antonino Pio, Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Teatro romano, Misenum – Bacoli (Napoli)
Tempio c.d. di Diana, Baia – Bacoli (Napoli)
Tempio c.d. di Venere, Baia – Bacoli (Napoli)
Tempio c.d. di Apollo, lago d’Averno – Pozzuoli (Napoli)
Tempio c.d. di Serapide, Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Tomba c.d. di Agrippina, Bauli – Bacoli (Napoli)
21) Parco archeologico del Colosseo:
Anfiteatro Flavio (Colosseo) – Roma
Arco di Costantino – Roma
Domus Aurea – Roma
Foro romano e Palatino – Roma
Meta Sudans – Roma
22) Parco archeologico dell’Appia antica:
Acquedotti dell’Acqua Marcia, Acqua Claudia e Annio Novus – Roma
Acquedotto dei Quintilii – Roma
Antiquarium di Lucrezia Romana – Roma
Mausoleo di Cecilia Metella – Roma
Tombe della via Latina – Roma
Tratto demaniale della via Appia con annessi monumenti e mausolei – Roma
Villa dei Quintili – Santa Maria Nova – Roma
Villa dei Sette Bassi – Roma
Villa di Capo di Bove – Roma
23) Parco archeologico di Ercolano:
Area archeologica di Ercolano (Napoli)
24) Parco archeologico di Ostia Antica:
Aree archeologiche di Ostia Antica e Isola Sacra – Ostia (Roma)
Basilica di S. Ippolito e Antiquarium – Fiumicino (Roma)
Complesso degli antichi Porti di Claudio e Traiano – Fiumicino (Roma)
Iseo Portuense – Fiumicino (Roma)
Museo delle Navi – Fiumicino (Roma)
Necropoli della via Laurentina – Roma
Necropoli di Pianabella – Roma
Necropoli di Porto e Isola Sacra – Fiumicino (Roma)
Porti di Claudio e di Traiano – Roma
Saline di Ostia – Ostia (Roma)
Tor Boacciana – Ostia (Roma)
Ville Costiere – Ostia (Roma)
25) il Parco archeologico di Paestum
Area Archeologica di Paestum – Capaccio (Salerno)
Area Archeologica e Museo Narrante di Foce Sele – Capaccio (Salerno)
Museo Archeologico Nazionale di Paestum – Capaccio (Salerno)
la cinta muraria e l’edificio “Ex stabilimento Cirio”
26) Parco archeologico di Pompei:
Antiquarium di Boscoreale (Napoli)
Area archeologica di Villa Sora – Torre del Greco (Napoli)
Area archeologica di Pompei – Pompei (Napoli)
Castello di Lettere (Napoli)
Parco archeologico di Longola – Poggiomarino (Napoli)
Ex Real Polverificio borbonico – Scafati (Salerno)
Reggia del Quisisana – Castellammare di Stabia (Napoli)
Scavi archeologici di Oplontis – Torre Annunziata (Napoli)
Scavi archeologici di Stabiae – Castellamare di Stabia (Napoli)
Sito archeologico di Villa Regina – Boscoreale (Napoli)
27) il Palazzo Ducale di Mantova
Museo di Palazzo Ducale – Mantova
28) il Palazzo Reale di Genova
Galleria di Palazzo Reale – Genova
Galleria Nazionale di Palazzo Spinola – Genova
29) la Pinacoteca di Brera
Pinacoteca di Brera – Milano
Biblioteca Braidense – Milano
30) la Reggia di Caserta
Acquedotto Carolino – Caserta
Giardino all’Inglese – Caserta
Oasi di San Silvestro – Caserta
Palazzo Reale – Caserta
Parco del Palazzo Reale – Caserta
31) Villa Adriana e Villa D’Este:
Area archeologica di Villa Adriana -Tivoli (Roma)
Mausoleo dei Plauzi – Tivoli (Roma)
Mensa Ponderaria, con annesso Augusteum – Tivoli (Roma)
Santuario di Ercole vincitore – Tivoli (Roma)
Villa D’Este – Tivoli (Roma)
32) I Musei Reali di Torino
Armeria Reale – Torino
Biblioteca Reale – Torino
Galleria Sabauda – Torino
Museo Archeologico – Torino
Palazzo Reale – Torino
Spazio espositivo di Palazzo Chiablese – Torino

Parco Archeologico Autonomo – 2

Ci siamo quasi

Fase IV (Correva ancora l’anno 2016)

DECRETO 9 aprile 2016 «Disposizioni in materia di aree e parchi archeologici e istituti e luoghi della cultura di rilevante interesse nazionale». (16A04824) (GU n.149 del 28-6-2016)

Si divide in due parti:

Capo I riguarda le Soprintendenze speciali, ma è stato soppresso nel 2017, ergo lo ignoro.

Capo II i Parchi archeologici e altri luoghi e istituti della cultura di rilevante interesse nazionale

Preferisco iniziare dal Capo II, perché riordina gli elenchi dei Musei e Parchi. Ferma restando la distinzione in Gruppo A (Livello Generale) e Gruppo B (livello non Generale) perché all’allegato non interessava, era un mero elenco, si ottiene ora il seguente:

«Elenco di istituti e luoghi della cultura e altri immobili e/o complessi assegnati ai musei e ai parchi archeologici dotati di autonomia speciale».

Si deve andare al DM 23/12/2014 e correggerlo sulla base delle successive modifiche, cosa che abbiamo già fatto; si ottiene questo con nuova numerazione:
1) «Complesso monumentale della Pilotta:
Biblioteca palatina – Parma
Galleria Nazionale – Parma
Museo Archeologico Nazionale – Parma
Teatro Farnese – Parma»
2) la Galleria Borghese
Galleria Borghese, Roma
3) le Gallerie degli Uffizi
Cappella Palatina (Palazzo Pitti) – Firenze
Gabinetto Disegni e Stampe – Firenze
Galleria d’Arte Moderna (Palazzo Pitti) – Firenze
Galleria degli Uffizi e Corridoio Vasariano – Firenze
Galleria del Costume (Palazzo Pitti) – Firenze
Galleria Palatina e Appartamenti monumentali di Palazzo Pitti – Firenze
Giardino di Boboli – Firenze
Museo degli Argenti (Palazzo Pitti) – Firenze
Museo delle Carrozze (Palazzo Pitti) – Firenze
Museo delle Porcellane (Palazzo Pitti) – Firenze
Palazzo Pitti – Firenze
4) la Galleria dell’Accademia di Firenze
Galleria dell’Accademia e Museo degli Strumenti Musicali – Firenze
5) le Gallerie dell’Accademia di Venezia
Gallerie dell’Accademia – Venezia
6) la Gallerie Estensi
Biblioteca Estense – Modena;
Galleria Estense – Modena;
Museo Lapidario Estense – Modena;
Palazzo Ducale – Sassuolo (Modena);
Pinacoteca Nazionale di Ferrara – Ferrara
7) le Gallerie Nazionali d’arte antica di Roma
Galleria Nazionale d’arte antica in Palazzo Barberini – Roma
8) la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma
Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea – Roma
9) la Galleria Nazionale delle Marche
Galleria Nazionale delle Marche – Urbino
10) la Galleria Nazionale dell’Umbria
Galleria Nazionale dell’Umbria – Perugia
11) il Museo Archeologico Nazionale di Napoli
Museo Archeologico Nazionale – Napoli
12) il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria
Museo Archeologico Nazionale – Reggio Calabria
13) il Museo Archeologico Nazionale di Taranto
Museo Archeologico Nazionale – Taranto
14) Museo delle Civilta:
Museo Nazionale d’arte orientale «Giuseppe Tucci» – Roma
Museo Nazionale Preistorico e Etnografico «Luigi Pigorini» –
Roma
Museo Nazionale delle arti e tradizioni popolari – Roma
Museo dell’Alto Medioevo – Roma
15) il Museo di Capodimonte
Museo di Capodimonte – Napoli
Parco di Capodimonte – Napoli
16) il Museo Nazionale del Bargello
Cappelle Medicee – Firenze
Chiesa e Museo di Orsanmichele – Firenze
Museo della Casa Fiorentina Antica – Palazzo Davanzati – Firenze
Museo di Casa Martelli – Firenze
Museo Nazionale del Bargello – Firenze
17) Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia:
Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia – Roma
18) Museo Nazionale Romano:
Crypta Balbi – Roma
Palazzo Altemps – Roma
Palazzo Massimo – Roma
Terme di Diocleziano – Roma
19) Museo storico e Parco del Castello di Miramare:
Museo storico del Castello di Miramare – Trieste
Parco del Castello di Miramare – Trieste
20) Parco archeologico dei Campi Flegrei:
Anfiteatro di Cuma – Bacoli (Napoli)
Anfiteatro di Liternum – Giugliano in Campania (Napoli)
Anfiteatro Flavio, Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Cento Camerelle, Bauli – Bacoli (Napoli)
Grotta della Dragonara, Misenum – Bacoli (Napoli)
Grotta di Cocceio – Pozzuoli (Napoli)
Ipogei del Fondo Caiazzo, settore della necropoli di Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia – Bacoli (Napoli)
Necropoli c.d. di San Vito, settore della necropoli di Puteoli -Pozzuoli (Napoli)
Necropoli di Cappella, Misenum – Monte di Procida (Napoli)
Necropoli di via Celle, settore della necropoli di Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Parco Archeologico delle Terme di Baia – Bacoli (Napoli)
Parco archeologico di Cuma – Pozzuoli (Napoli)
Parco archeologico di Liternum – Giugliano in Campania (Napoli)
Parco Archeologico Sommerso di Baia – Bacoli (Napoli)
Parco Monumentale di Baia – Bacoli (Napoli)
Piscina Mirabilis, Misenum – Bacoli (Napoli)
Sacello degli Augustali, Misenum – Bacoli (Napoli)
Stadio di Antonino Pio, Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Teatro romano, Misenum – Bacoli (Napoli)
Tempio c.d. di Diana, Baia – Bacoli (Napoli)
Tempio c.d. di Venere, Baia – Bacoli (Napoli)
Tempio c.d. di Apollo, lago d’Averno – Pozzuoli (Napoli)
Tempio c.d. di Serapide, Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Tomba c.d. di Agrippina, Bauli – Bacoli (Napoli)
21) Parco archeologico dell’Appia antica:
Acquedotti dell’Acqua Marcia, Acqua Claudia e Annio Novus – Roma
Acquedotto dei Quintilii – Roma
Antiquarium di Lucrezia Romana – Roma
Mausoleo di Cecilia Metella – Roma
Tombe della via Latina – Roma
Tratto demaniale della via Appia con annessi monumenti e mausolei – Roma
Villa dei Quintili – Santa Maria Nova – Roma
Villa dei Sette Bassi – Roma
Villa di Capo di Bove – Roma
22) Parco archeologico di Ercolano:
Area archeologica di Ercolano (Napoli)
23) Parco archeologico di Ostia Antica:
Aree archeologiche di Ostia Antica e Isola Sacra – Ostia (Roma)
Basilica di S. Ippolito e Antiquarium – Fiumicino (Roma)
Complesso degli antichi Porti di Claudio e Traiano – Fiumicino (Roma)
Iseo Portuense – Fiumicino (Roma)
Museo delle Navi – Fiumicino (Roma)
Necropoli della via Laurentina – Roma
Necropoli di Pianabella – Roma
Necropoli di Porto e Isola Sacra – Fiumicino (Roma)
Porti di Claudio e di Traiano – Roma
Saline di Ostia – Ostia (Roma)
Tor Boacciana – Ostia (Roma)
Ville Costiere – Ostia (Roma)
24) il Parco archeologico di Paestum
Area Archeologica di Paestum – Capaccio (Salerno)
Area Archeologica e Museo Narrante di Foce Sele – Capaccio (Salerno)
Museo Archeologico Nazionale di Paestum – Capaccio (Salerno)
la cinta muraria e l’edificio “Ex stabilimento Cirio”
25) il Palazzo Ducale di Mantova
Museo di Palazzo Ducale – Mantova
26) il Palazzo Reale di Genova
Galleria di Palazzo Reale – Genova
Galleria Nazionale di Palazzo Spinola – Genova
27) la Pinacoteca di Brera
Pinacoteca di Brera – Milano
Biblioteca Braidense – Milano
28) la Reggia di Caserta
Acquedotto Carolino – Caserta
Giardino all’Inglese – Caserta
Oasi di San Silvestro – Caserta
Palazzo Reale – Caserta
Parco del Palazzo Reale – Caserta
29) Villa Adriana e Villa D’Este:
Area archeologica di Villa Adriana -Tivoli (Roma)
Mausoleo dei Plauzi – Tivoli (Roma)
Mensa Ponderaria, con annesso Augusteum – Tivoli (Roma)
Santuario di Ercole vincitore – Tivoli (Roma)
Villa D’Este – Tivoli (Roma)»;
30) I Musei Reali di Torino
Armeria Reale – Torino
Biblioteca Reale – Torino
Galleria Sabauda – Torino
Museo Archeologico – Torino
Palazzo Reale – Torino
Spazio espositivo di Palazzo Chiablese – Torino

Il secondo elenco modificato risolve i dubbi espressi nel post precedente, sul Gruppo A1 e il B1, che conferma quanto supposto. Infatti abbiamo il seguente elenco «Elenco ricognitivo dei musei e dei parchi archeologici dotati di autonomia speciale».

Gruppo A (generale):
1) la Galleria Borghese
2) le Gallerie degli Uffizi
3) la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma
4) le Gallerie dell’Accademia di Venezia
5) il Museo di Capodimonte
6) il Museo Nazionale Romano !!!
7) la Pinacoteca di Brera
8) la Reggia di Caserta
Gruppo B (non generale):
1) il Complesso monumentale della Pilotta
2) la Galleria dell’Accademia di Firenze
3) la Galleria Nazionale delle Marche
4) la Galleria Nazionale dell’Umbria
5) le Gallerie Estensi di Modena
6) le Gallerie Nazionali d’arte antica di Roma
7) i Musei reali di Torino
8) il Museo delle Civiltà
9) il Museo Archeologico Nazionale di Napoli
10) il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria
11) il Museo Archeologico Nazionale di Taranto
12) il Museo Nazionale del Bargello
13) il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia
14) il Museo storico e il Parco del Castello di Miramare

15) il Parco archeologico dei Campi Flegrei
16) il Parco archeologico dell’Appia antica
17) il Parco archeologico di Ercolano
18) il Parco archeologico di Ostia antica
19) il Parco archeologico di Paestum
20) il Palazzo Ducale di Mantova
21) il Palazzo Reale di Genova
22) Villa Adriana e Villa d’Este
Nasce infine l’Istituto Centrale per L’Archeologia, del DM 13/05/2016.
Nessuno sa cosa faccia.
Non appena recupero le forze proverò ad integrare l’elenco dei Poli Museali, ora voglio passare alla
FASE V- 2017
Vi ricordate il Capo I?
Riguardava Roma e Pompei, che sono state sottoposte a nuovo rinfresco con il DECRETO 12 gennaio 2017 «Adeguamento delle soprintendenze speciali agli standard internazionali in materia di musei e luoghi della cultura, ai sensi dell’articolo 1, comma 432, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, e dell’articolo 1, comma 327, della legge 28 dicembre 2015, n. 208». (17A01717) (GU n.58 del 10-3-2017)
Nasce la: Soprintendenza speciale archeologia, belle arti e paesaggio di Roma
Sorgono due nuovi Parchi Archeologici:
1 «Parco archeologico del Colosseo:
Anfiteatro Flavio (Colosseo) – Roma
Arco di Costantino – Roma
Domus Aurea – Roma
Foro romano e Palatino – Roma
Meta Sudans – Roma».
2 «Parco archeologico di Pompei:
Antiquarium di Boscoreale (Napoli)
Area archeologica di Villa Sora – Torre del Greco (Napoli)
Area archeologica di Pompei – Pompei (Napoli)
Castello di Lettere (Napoli)
Parco archeologico di Longola – Poggiomarino (Napoli)
Ex Real Polverificio borbonico – Scafati (Salerno)
Reggia del Quisisana – Castellammare di Stabia (Napoli)
Scavi archeologici di Oplontis – Torre Annunziata (Napoli)
Scavi archeologici di Stabiae – Castellamare di Stabia (Napoli)
Sito archeologico di Villa Regina – Boscoreale (Napoli)
Il Museo Nazionale Romano  ed il Parco Archeologico del Colosseo si definiscono «quali uffici di livello dirigenziale periferici». Leggete il post successivo, per favore.