Poli Museali Regionali

GalleriaNazionale01Vg

Ad esclusione delle Regioni Sicilia, Trentino-Alto Adige e Valle d’Aosta, 17 Poli Museali si distribuiscono nelle restanti. I siti in elenco sono copiati dal web del MiBACT e mi rifiuto di controllare tutte le variazioni tra i vari decreti, se ci sono errori prendetevela con il Ministero.

1. Polo museale del Piemonte, con sede a Torino

Abbazia di Fruttuaria – San Benigno Canavese (Torino
Abbazia di Vezzolano — Albugnano (Asti)
Castello di Moncalieri (Torino)
Castello di Serralunga d’Alba (Cuneo)
Complesso Monumentale del Castello Ducale, Giardino e Parco d’Agliè (Torino)
Complesso Monumentale del Castello e Parco di Racconigi (Cuneo)
Forte di Gavi (Alessandria)
Palazzo Carignano — Torino
Villa della Regina — Torino

2. Polo museale della Lombardia, con sede a Milano

Museo – Cappella Espiatoria – via Matteo da Campione, 7 – 20900 Monza (MB)
Museo – Cenacolo Vinciano – piazza Santa Maria delle Grazie, 2 – 20121 Milano (MI)
Museo – Certosa di Pavia – Via del Monumento, 4 – 27012 Certosa di Pavia (PV)
Museo – Palazzo Besta – Via Besta, 1 – 23036 Teglio (SO)
Museo – Grotte di Catullo – Piazza Orti Manara, 4 – 25019 Sirmione (BS)
Museo – Castello Scaligero – Viale Guglielmo Marconi, 2 – 25019 Sirmione (BS)
Museo – MUPRE della Preistoria della Val Camonica – via San Martino, 7 – 25044 Capo di Ponte (BS)
Museo – Archeologico Nazionale di Mantova – Piazza Castello, 1 – 46100 Mantova (MN)
Museo – Archeologico Nazionale della Lomellina – Piazza Ducale, 20 – 27029 Vigevano (PV)
Museo – Archeologico Nazionale della Valle Camonica – Via Roma, 29 – 25040 Cividate Camuno (BS)

3. Polo museale del Veneto, con sede a Venezia

Complesso di San Gaetano – Sede espositiva Collezione Salce — Treviso
Complesso di Santa Margherita – Sede di conservazione Collezione Salce — Treviso
Galleria “Giorgio Franchetti” alla Ca’ d’Oro — Venezia
Museo Archeologico di Quarto d’Altino (Venezia)
Museo Archeologico di Venezia — Venezia
Museo Archeologico Nazionale (barchessa di Villa Badoer) — Fratta Polesine (Rovigo)
Museo Archeologico Nazionale Concordiese — Portogruaro (Venezia)
Museo Archeologico Nazionale della Laguna di Venezia — Venezia
Museo Archeologico Nazionale di Adria (Rovigo)
Museo Archeologico Nazionale di Verona
Museo d’Arte Orientale — Venezia
Museo di Palazzo Grimani — Venezia
Museo Nazionale Atestino — Este (Padova)
Museo Nazionale di Archeologia del Mare — Caorle (Venezia)
Museo Nazionale di Villa Pisani — Stra (Venezia)
Villa del Bene — Dolcè (Verona)

4. Polo museale del Friuli Venezia Giulia, con sede a Trieste

Museo Archeologico Nazionale — Cividale del Friuli (Udine)
Museo Archeologico Nazionale e Cripta degli scavi Basilica S.M. Assunta — Aquileia
(Udine)
Museo Nazionale di Archeologia Subacquea — Grado (Gorizia)
Museo Paleocristiano — Aquileia (Udine)

5. Polo museale della Liguria

Castello di San Terenzo — Lerici (La Spezia)
Forte di Santa Tecla — Sanremo (Imperia)
Forte San Giovanni — Final Borgo (Savona)
Fortezza di Castruccio Castracani — Sarzana (La Spezia)
Fortezza Firmafede — Sarzana (La Spezia)
Museo Archeologico Nazionale Palazzo Rocca — Chiavari (Genova)
Museo Archeologico Nazionale e zona archeologica di Luni (La Spezia)
Museo Preistorico dei “Balzi Rossi” e zona archeologica — Ventimiglia (Imperia)
Villa Romana del Varignano — Porto Venere (La Spezia)
Villa Rosa, Museo dell’Arte Vetraria Altarese — Altare (Savona)
Nota:
Ai sensi del decreto ministeriale 27 novembre 2014, recante «Articolazione degli uffici dirigenziali di livello non generale del Ministero», nelle Regioni Liguria, Marche e Umbria, la funzione di direttore del Polo museale regionale è svolta, rispettivamente, dal direttore del Palazzo reale di Genova, dal direttore della Galleria Nazionale delle Marche e dal direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria.

6. Polo museale dell’Emilia Romagna, con sede a Bologna

Abbazia di Pomposa e Museo Pomposiano — Codigoro (Ferrara)
Antica Spezieria di San Giovanni Evangelista — Parma
Basilica di Sant’Apollinare in Classe — Ravenna
Battistero degli Ariani — Ravenna
Camera di San Paolo — Parma
Casa Minerbi — Ferrara
Casa Pascoli — San Mauro Pascoli (Forlì-Cesena)
Castello di Canossa e Museo Nazionale “Naborre Campanini” — Reggio Emilia
Castello di Torrechiara — Langhirano (Parma)
Cella di Santa Caterina — Parma
Ex Chiesa di San Barbaziano — Bologna
Ex Chiesa di San Mattia — Bologna
Fortezza di San Leo — Rimini
Mausoleo di Teodorico — Ravenna
Museo Archeologico Nazionale di Ferrara
Museo Archeologico Nazionale di Sarsina (Forlì-Cesena)
Museo dell’età neoclassica in Romagna in Palazzo Milzetti — Faenza (Ravenna)
Museo di Casa Romei — Ferrara
Museo Nazionale del Castello Malaspina — Bobbio (Piacenza)
Museo Nazionale di Ravenna
Museo Nazionale Etrusco – Marzabotto (Bologna)
Palazzo di Teodorico Ravenna
Pinacoteca Nazionale di Bologna
Torre Jussi — Bologna

7. Polo museale della Toscana, con sede a Firenze

Abbazia di Soffena — Castelfranco di Sopra (Arezzo)
Basilica di San Francesco — Arezzo
Cappella del Taja nel Palazzo ex Barabesi – Siena
Cenacolo del Fuligno — Firenze
Cenacolo di Andrea del Sarto — Firenze
Cenacolo di Ognissanti — Firenze
Cenacolo di Sant’Apollonia — Firenze
Certosa Monumentale — Calci (Pisa)
Chiesa del Santuccio  – Siena
Chiesa di Santa Maria delle Nevi – Siena
Chiostro dello Scalzo — Firenze
Eremo di San Leonardo al Lago — Monteriggioni (Siena)
Ex Chiesa del Tau — Pistoia
Fortezza di Santa Barbara — Pistoia
Giardino della Villa a Castello — Firenze
Giardino di Villa Il Ventaglio — Firenze
Museo Archeologico Nazionale di Chiusi
Museo Archeologico Nazionale di Cosa – Ansedonia/Grosseto
Museo Archeologico di Siena
Museo Archeologico Nazionale “Gaio Cilnio Mecenate” — Arezzo
Museo Archeologico Nazionale di Firenze
Museo Archeologico statale di Castiglioncello (Livorno)
Museo delle Arti e Tradizioni Popolari dell’Alta Valle del Tevere (Palazzo Taglieschi) — Anghiari (Arezzo)
Museo di Casa Giusti — Monsummano Terme (Pistoia)
Museo di Casa Vasari — Arezzo
Museo di San Marco — Firenze
Museo e galleria Mozzi Bardini — Firenze
Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna — Arezzo
Museo Nazionale delle Residenze Napoleoniche – “Palazzina dei Mulini” — Portoferraio (Livorno)
Museo Nazionale delle Residenze Napoleoniche – “Villa di San Martino” — Portoferraio (Livorno)
Museo Nazionale di Palazzo Reale — Pisa
Museo Nazionale di San Matteo — Pisa
Museo Nazionale di Villa Guinigi — Lucca
Oratorio di San Desiderio — Pistoia
Palazzo Chigi Piccolomini alla Postierla – Siena
Pinacoteca Nazionale — Siena
Pinacoteca Nazionale e Museo di Palazzo Mansi — Lucca
Sala del Perugino — Firenze
Villa Brandi – Vignano/Siena
Villa Corsini a Castello — Firenze
Villa Medicea della Petraia — Firenze
Villa Medicea di Cerreto Guidi e Museo storico della Caccia e del territorio — Firenze
Villa Medicea di Poggio a Caiano e Giardino (Prato)
Villa Pandolfini — Firenze

8. Polo museale dell’Umbria

Castello Bufalini — San Giustino (Perugia)
Museo Archeologico Nazionale — Orvieto (Terni)
Museo Archeologico Nazionale — Perugia
Museo Archeologico Nazionale e Teatro Romano — Spoleto (Perugia)
Museo Nazionale del Ducato di Spoleto — Spoleto (Perugia)
Palazzo Ducale — Gubbio (Perugia)
Tempietto sul Clitunno — Campello sul Clitunno (Perugia)
Villa del Colle del Cardinale — Perugia
Nota:
Ai sensi del decreto ministeriale 27 novembre 2014, recante «Articolazione degli uffici dirigenziali di livello non generale del Ministero», nelle Regioni Liguria, Marche e Umbria, la funzione di direttore del Polo museale regionale è svolta, rispettivamente, dal direttore del Palazzo reale di Genova, dal direttore della Galleria Nazionale delle Marche e dal direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria.

9. Polo museale delle Marche

Antiquarium Statale – Numana (Ancona)
Museo Archeologico Nazionale delle Marche — Ancona
Museo Archeologico Statale di Arcevia (Ancona)
Museo Archeologico Statale — Ascoli Piceno
Museo Archeologico Statale — Urbisaglia (Macerata)
Museo Archeologico Statale di Cingoli Moscosi (Macerata)
Museo Tattile Statale “Omero” — Ancona Rocca Demaniale — Gradara (Pesaro-Urbino) Rocca Roveresca — Senigallia (Ancona)
Nota:
Ai sensi del decreto ministeriale 27 novembre 2014, recante «Articolazione degli uffici dirigenziali di livello non generale del Ministero», nelle Regioni Liguria, Marche e Umbria, la funzione di direttore del Polo museale regionale è svolta, rispettivamente, dal direttore del Palazzo reale di Genova, dal direttore della Galleria Nazionale delle Marche e dal direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria.

10. Polo museale del Lazio, con sede a Roma

Abbazia di Casamari — Veroli (Frosinone)
Abbazia di Fossanova — Priverno (Latina)
Abbazia di Montecassino — Cassino (Frosinone)
Abbazia. Greca di San Nilo — Grottaferrata (Roma)
Area Archeologica di Villa Adriana — Tivoli (Roma)
Basilica di San Francesco — Viterbo
Basilica di San Cesareo de Appia — Roma
Biblioteca di Archeologia e Storia dell’Arte (Palazzo Venezia) — Roma
Cappella dell’Annunziata — Cori (Latina)
Casa di San Tommaso — Aquino (Frosinone)
Castello di Giulio II – Roma
Certosa di Trisulti Collepardo (Frosinone)
Chiesa di Santa Maria Maggiore — Tuscania (Viterbo)
Chiesa di San Pietro — Tuscania (Viterbo)
Galleria Spada — Roma
Monastero di San Benedetto Sacro Speco — Subiaco (Roma)
Monastero di Santa Scolastica — Subiaco (Roma)
Monumento a Vittorio Emanuele II (Vittoriano) — Roma
Museo Archeologico dell’Agro Falisco e Forte Sangallo — Civita Castellana (Viterbo)
Museo Archeologico di Fulci – Viterbo
Museo Archeologico Nazionale — Civitavecchia (Roma)
Museo Archeologico Nazionale – Formia (Latina)
Museo Archeologico Nazionale -Tarquinia (Viterbo)
Museo Archeologico Nazionale di Palestrina e Santuario della Fortuna Primigenia
(Roma)
Museo Archeologico Nazionale e Area Archeologica — Sperlonga (Latina)
Museo Archeologico Nazionale “G.Carettoni” e area Aecheologica di Casinum – Cassino (Frosinone
Museo Boncompagni Ludovisi per le Arti Decorative, il Costume e la Moda dei secoli
XIX e XX — Roma
Museo dell’Alto Medioevo — Roma
Museo delle Navi Romane di Nemi (Roma)
Museo Giacomo Manzù — Ardea (Roma)
Museo Hendrik Christian Andersen — Roma
Museo Mario Praz — Roma
Museo Nazionale Archeologico Cerite — Cerveteri (Roma)
Museo Nazionale d’Arte Orientale “Giuseppe Tucci” — Roma
Museo Nazionale degli Strumenti Musicali — Roma
Museo Nazionale del Palazzo di Venezia — Roma
Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo — Roma
Museo Nazionale Etrusco di Rocca Albornoz — Viterbo
Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia — Roma
Museo Nazionale Preistorico ed Etnografico “Luigi Pigorini” — Roma
Palazzo Altieri — Oriolo Romano (Viterbo)
Palazzo Farnese — Caprarola (Viterbo)
Pantheon — Roma
Santuario Madonna della Quercia — Viterbo
Torre di Cicerone — Arpino (Frosinone)
Villa d’Este — Tivoli (Roma)
Villa Giustiniani — Bassano Romano (Viterbo)
Villa Lante Bagnaia — Viterbo

11. Polo museale dell’Abruzzo, con sede a Chieti

Abbazia di San Clemente a Casauria — Castiglione a Casauria (Pescara)
Abbazia di San Giovanni in Venere – Fossacesia (Chieti)
Abbazia di Santo Spirito al Morrone — Sulmona (L’Aquila)
Castello Piccolomini – Celano (L’Aquila)
Chiesa di San Bartolomeo — Carpineto della Nora (Pescara)
Chiesa di San Bernardino – L’Aquila
Chiesa di San Domenico al Corso — Chieti
Chiesa di San Pietro in Alba Fucens — Massa d’Albe (L’Aquila)
Chiesa San Pietro ad Oratorium — Capestrano (L’Aquila)
MUSè – Nuovo Museo Paludi di Celano — Centro di Restauro (L’Aquila)
Museo “Casa natale di Gabriele D’Annunzio” — Pescara
Museo “La Civitella” Chieti
Museo Archeologico di Campli (Teramo)
IVIuseo Archeologico Nazionale d’Abruzzo – Villa Frigerj — Chieti
Museo d’Arte Sacra della Marsica — Celano (L’Aquila)
Museo Nazionale d’Abruzzo — L’Aquila
Taverna Ducale — Popoli (Pescara)

12. Polo museale del Molise, con sede a Campobasso

Castello di Capua — Gambatesa (Campobasso)
Castello di Civitacampomarano — Campobasso
Complesso Monumentale di San Vincenzo a Volturno (Isernia)
Museo Archeologico di Santa Maria delle Monche – Isernia
Museo Archeologico di Venafro (Isernia)
Museo della città e del territorio -Sepino (Campobasso
Museo Nazionale di Castello Pandone — Venafro (Isernia)
Museo Nazionale del Paleolitico di Isernia
Museo Provinciale Sannitico — Campobasso
Palazzo Pistilli — Campobasso
* nota 1
Nella regione Molise le funzioni di Direttore di Polo museale regionale sono svolte dal Segretario regionale della medesima regione

13. Polo museale della Campania, con sede a Napoli

NAPOLI e PROVINCIA
Certosa e Museo di San Martino
Castel Sant’Elmo
Complesso dei Girolamini
Museo Duca di Martina
Museo Pignatelli
Palazzo Reale di Napoli
Parco e Tomba di Virgilio
Certosa di San Giacomo – Capri
Villa Jovis Capri
Grotta Azzurra Capri
Museo Archeologico dei Campi Flegrei- Bacoli
Museo Archeologico territoriale della penisola sorrentina  “Georges Vallet”
Museo storico archeologico di Nola – Nola
PROVINCIA di CASERTA  
Anfiteatro Campano – Santa Maria Capua Vetere
Museo archeologico dell’antica Allifae- Alife
Museo archeologico dell’antica Capua e Mitreo
Museo archeologico di Teanum Sidicinum – Teano
Museo archeologico dell’antica Calatia – Maddaloni
Museo archeologico dell’Agro atellano – Succivo
Reggia di Carditello – San Tammaro
Teatro romano di Teanum Sidicinum
PROVINCIA di  SALERNO
Certosa di San Lorenzo – Padula
Museo archeologico nazionale di Eboli e della media valle del Sele – Eboli
Musei archeologico nazionale di Pontecagnano
Museo archeologico nazionale della Valle del Sarno – Sarno
PROVINCIA di AVELLINO 
Museo del Palazzo della Dogana dei Grani- Atripalda
Museo di San Francesco a Folloni – Montella
PROVINCIA di BENEVENTO
Museo archeologico nazionale del Sannio Caudino – Montesarchio

14. Polo museale della Puglia, con sede a Bari

Antiquarium e zona archeologica di Canne della Battaglia  – Barletta
Castel del Monte — Andria (Barletta-Andria-Trani)
Castello Angioino — Copertino (Lecce)
Castello Svevo — Bari
Castello Svevo — Trani (Barletta-Andria-Trani)
Chiostro del Convento di San Domenico – Taranto
Galleria Nazionale della Puglia “Girolamo e Rosaria Devanna” — Bitonto (Bari)

Museo Archeologico Nazionale — Gioia del Colle (Bari)

Museo Archeologico Nazionale e zona archeologica di Egnazia — Fasano (Brindisi) Museo Nazionale Archeologico — Altamura (Bari)
Museo Nazionale Archeologico di Manfredonia (Foggia) Museo Nazionale Jatta — Ruvo di Puglia (Bari)
Palazzo Sinesi — Canosa di Puglia (Barletta-Andria-Trani)

15. Polo museale della Basilicata, con sede a Matera

Area archeologica di Venosa (Potenza)
Castello di Lagopesole – Avigliano (Potenza)
Chiesa del Cristo flagellato ed ex ospedale di San Rocco – Matera
Museo Archeologico Nazionale dell’Alta Val d’Agri — Grumento Nova (Potenza)
Museo Archeologico Nazionale della Basilicata “Dinu Adamesteanu” — Potenza
Museo Archeologico Nazionale del Melfese “Massimo Pallottino” — Melfi (Potenza)
Museo Archeologico Nazionale di Metaponto — Bernalda (Matera)
Museo Archeologico Nazionale di Muro Lucano (Potenza)
Museo Archeologico Nazionale — Venosa (Potenza)
Museo Nazionale della Siritide — Policoro (Matera)
Museo Nazionale “Domenico Ridola” Matera
Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna della Basilicata — Matera
Palazzo de Lieto – Maratea (Potenza)
Sede espositiva in Palazzo Ducale — Tricarico (Matera)

16. Polo museale della Calabria, con sede a Cosenza

Complesso Monumentale di San Domenico – Lamezia Terme (Catanzaro)
Chiesa di San Francesco d’Assisi — Gerace Reggio Calabria)
Galleria Nazionale di Cosenza
La Cattolica — Stilo (Reggio Calabria)
Le Castella — Isola di Capo Rizzuto (Crotone)
Museo Archeologico e Antiquarium “Archeoderi” – Bova Marina (Reggio Calabria)
Museo Archeologico Lametino – Lamezia Terme
Museo Archeologico di Metauros  – Gioia Tauro (Reggio Calabria)
Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi” — Vibo Valentia
Museo Archeologico Nazionale di Crotone
Museo Archeologico Nazionale di Amendolara  – Lamezia Terme (Catanzaro)
Museo Archeologico Nazionale e Parco Archeologico della Sibaritide — Cassano
all’Ionio — Cosenza
Museo del Risorgimento – Catanzaro
Museo e Parco Archeologico dell’Antica Kaulon — Monasterace (Reggio Calabria) Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone) Museo e Parco Archeologico Nazionale di Locri (Reggio Calabria) Museo e Parco Archeologico Nazionale di Scolacium — Borgia (Catanzaro)
Museo Statale — Mileto (Vibo Valentia)

17. Polo museale della Sardegna, con sede a Cagliari

Altare Prenuragico di Monte d’Accoddi — Sassari
Antiquariurn Turritano e Zona Archeologica — Porto Torres (Sassari)
Area Archeologica “Su Nuraxi” — Barumini (Medio Campidano)
Basilica di San Saturnino — Cagliari
Compendio Garibaldino e Museo Nazionale “Memoriale Giuseppe Garibaldi” (Isola di Caprera) — La Maddalena (Olbia-Tempio)
Ex Regio Museo Archeologico – Cagliari
Museo Archeologico Nazionale — Cagliari
Museo Archeologico Nazionale “Giorgio Asproni” — Nuoro
Museo Nazionale Archeologico – Etnografico “Giovanni Antonio Sanna” — Sassari
Pinacoteca Nazionale  di Sassari
Pinacoteca Nazionale di Cagliari
Spazio San Pancrazio – Cagliari.

 

Non vorrei dire una stupidaggine, ma alla Soprintendenza Speciale ASBAP di Roma, dopo il distacco dal Colosseo dovrebbero essere rimasti questi luoghi:
Arco di Malborghetto;
Basilica sotterranea di Porta Maggiore;
Deposito pleistocenico della Polledrara di Cecanibbio;
Fontana di Anna Perenna;
Ipogeo degli Ottavi;
Mausoleo «La Celsa»;
Mausoleo di Sant’Elena;
Necropoli di Villa Doria Pamphilj;
Parco archeologico di Crustumerium;
Parco archeologico di Gabii;
Villa del cimitero Flaminio;
Villa di Livia.

Quando avranno le idee più chiare ce lo faranno sapere.

Musei e parchi archeologici dotati di autonomia speciale al Maggio 2017

Torre di S. Gregorio

(N.B. 03/05/17 Ho dovuto mettere  mano alle circolari interne per capirci qualche cosa in più, e ad oggi  è risultato questo. Ho dovuto togliere un poco di periferici qui e là perché erano ridondanti. Va detto che solo con sotto gli occhi la ripartizione degli stipendi mi è entrata in testa la cosa. Evidentemente essere espliciti in sede di scrittura di decreti circa al fatto che si tratta solo di vile pecunia fa poco fine. In poche parole, quando al regolamento del 2014 leggete l’articolo 2, co. 2, lo dovete leggere così:

«Il Ministero si articola in undici uffici dirigenziali di livello generale centrali e dieci uffici dirigenziali di livello generale periferici, coordinati da un Segretario generale, nonché in un ufficio dirigenziale di livello generale presso gli Uffici di diretta collaborazione del Ministro e in un ufficio dirigenziale di livello generale presso l’Organismo indipendente di valutazione della performance».
Quindi, tralasciando gli Undici, che sono le Direzioni Generali, le danze iniziano con gli Uffici Periferici.)
«Elenco ricognitivo dei musei e dei parchi archeologici dotati di autonomia speciale»
Uffici Periferici:
1) la Galleria Borghese (dirigenziale di livello generale)
2) le Gallerie degli Uffizi (dirigenziale di livello generale)
3) la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma (dirigenziale di livello generale)
4) le Gallerie dell’Accademia di Venezia (dirigenziale di livello generale)
5) il Museo di Capodimonte (dirigenziale di livello generale)
6) il Museo Nazionale Romano (dirigenziale di livello generale)
7) il Parco Archeologico del Colosseo (dirigenziale di livello generale)
8) il Parco Archeologico di Pompei (dirigenziale di livello generale)
9) la Pinacoteca di Brera (dirigenziale di livello generale)
10) la Reggia di Caserta (dirigenziale di livello generale)
La Soprintendenza per il Colosseo e l’area archeologica centrale era un ufficio dirigenziale di livello generale periferico del Ministero, ma ora assume la denominazione di Soprintendenza speciale Archeologia, belle arti e paesaggio di Roma e non ha più la posizione generale, data al Parco Archeologico del Colosseo.
Uffici Periferici:
1) il Complesso monumentale della Pilotta (dirigenziale non generale)
2) la Galleria dell’Accademia di Firenze (dirigenziale non generale)
3) la Galleria Nazionale delle Marche (dirigenziale non generale)
4) la Galleria Nazionale dell’Umbria (dirigenziale non generale)
5) le Gallerie Estensi di Modena (dirigenziale non generale)
6) le Gallerie Nazionali d’arte antica di Roma (dirigenziale non generale)
7) i Musei reali di Torino (dirigenziale non generale)
8) il Museo delle Civiltà (dirigenziale non generale)
9) il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (dirigenziale non generale)
10) il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria (dirigenziale non generale)
11) il Museo Archeologico Nazionale di Taranto (dirigenziale non generale)
12) il Museo Nazionale del Bargello (dirigenziale non generale)
13) il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia (dirigenziale non generale)
14) il Museo storico e il Parco del Castello di Miramare (dirigenziale non generale)
15) il Parco archeologico dell’Appia antica (dirigenziale non generale)
16) il Parco archeologico dei Campi Flegrei (dirigenziale non generale)
17) il Parco archeologico di Ercolano (dirigenziale non generale)
18) il Parco archeologico di Ostia antica (dirigenziale non generale)
19) il Parco archeologico di Paestum (dirigenziale non generale)
20) il Palazzo Ducale di Mantova (dirigenziale non generale)
21) il Palazzo Reale di Genova (dirigenziale non generale)
22) Villa Adriana e Villa d’Este (dirigenziale non generale)
Attenzione all’Istituto centrale per l’archeologia, ufficio di livello dirigenziale non generale
«Elenco di istituti e luoghi della cultura e altri immobili e/o complessi assegnati ai musei e ai parchi archeologici dotati di autonomia speciale»
1) Complesso monumentale della Pilotta:
Biblioteca palatina – Parma
Galleria Nazionale – Parma
Museo Archeologico Nazionale – Parma
Teatro Farnese – Parma
2) la Galleria Borghese
Galleria Borghese, Roma
3) le Gallerie degli Uffizi
Cappella Palatina (Palazzo Pitti) – Firenze
Gabinetto Disegni e Stampe – Firenze
Galleria d’Arte Moderna (Palazzo Pitti) – Firenze
Galleria degli Uffizi e Corridoio Vasariano – Firenze
Galleria del Costume (Palazzo Pitti) – Firenze
Galleria Palatina e Appartamenti monumentali di Palazzo Pitti – Firenze
Giardino di Boboli – Firenze
Museo degli Argenti (Palazzo Pitti) – Firenze
Museo delle Carrozze (Palazzo Pitti) – Firenze
Museo delle Porcellane (Palazzo Pitti) – Firenze
Palazzo Pitti – Firenze
4) la Galleria dell’Accademia di Firenze
Galleria dell’Accademia e Museo degli Strumenti Musicali – Firenze
5) le Gallerie dell’Accademia di Venezia
Gallerie dell’Accademia – Venezia
6) la Gallerie Estensi
Biblioteca Estense – Modena;
Galleria Estense – Modena;
Museo Lapidario Estense – Modena;
Palazzo Ducale – Sassuolo (Modena);
Pinacoteca Nazionale di Ferrara – Ferrara
7) le Gallerie Nazionali d’arte antica di Roma
Galleria Nazionale d’arte antica in Palazzo Barberini – Roma
8) la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma
Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea – Roma
9) la Galleria Nazionale delle Marche
Galleria Nazionale delle Marche – Urbino
10) la Galleria Nazionale dell’Umbria
Galleria Nazionale dell’Umbria – Perugia
11) il Museo Archeologico Nazionale di Napoli
Museo Archeologico Nazionale – Napoli
12) il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria
Museo Archeologico Nazionale – Reggio Calabria
13) il Museo Archeologico Nazionale di Taranto
Museo Archeologico Nazionale – Taranto
14) Museo delle Civiltà:
Museo Nazionale d’arte orientale «Giuseppe Tucci» – Roma
Museo Nazionale Preistorico e Etnografico «Luigi Pigorini» – Roma
Museo Nazionale delle arti e tradizioni popolari – Roma
Museo dell’Alto Medioevo – Roma
15) il Museo di Capodimonte
Museo di Capodimonte – Napoli
Parco di Capodimonte – Napoli
16) il Museo Nazionale del Bargello
Cappelle Medicee – Firenze
Chiesa e Museo di Orsanmichele – Firenze
Museo della Casa Fiorentina Antica – Palazzo Davanzati – Firenze
Museo di Casa Martelli – Firenze
Museo Nazionale del Bargello – Firenze
17) Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia:
Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia – Roma
18) Museo Nazionale Romano:
Crypta Balbi – Roma
Palazzo Altemps – Roma
Palazzo Massimo – Roma
Terme di Diocleziano – Roma
19) Museo storico e Parco del Castello di Miramare:
Museo storico del Castello di Miramare – Trieste
Parco del Castello di Miramare – Trieste
20) Parco archeologico dei Campi Flegrei:
Anfiteatro di Cuma – Bacoli (Napoli)
Anfiteatro di Liternum – Giugliano in Campania (Napoli)
Anfiteatro Flavio, Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Cento Camerelle, Bauli – Bacoli (Napoli)
Grotta della Dragonara, Misenum – Bacoli (Napoli)
Grotta di Cocceio – Pozzuoli (Napoli)
Ipogei del Fondo Caiazzo, settore della necropoli di Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia – Bacoli (Napoli)
Necropoli c.d. di San Vito, settore della necropoli di Puteoli -Pozzuoli (Napoli)
Necropoli di Cappella, Misenum – Monte di Procida (Napoli)
Necropoli di via Celle, settore della necropoli di Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Parco Archeologico delle Terme di Baia – Bacoli (Napoli)
Parco archeologico di Cuma – Pozzuoli (Napoli)
Parco archeologico di Liternum – Giugliano in Campania (Napoli)
Parco Archeologico Sommerso di Baia – Bacoli (Napoli)
Parco Monumentale di Baia – Bacoli (Napoli)
Piscina Mirabilis, Misenum – Bacoli (Napoli)
Sacello degli Augustali, Misenum – Bacoli (Napoli)
Stadio di Antonino Pio, Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Teatro romano, Misenum – Bacoli (Napoli)
Tempio c.d. di Diana, Baia – Bacoli (Napoli)
Tempio c.d. di Venere, Baia – Bacoli (Napoli)
Tempio c.d. di Apollo, lago d’Averno – Pozzuoli (Napoli)
Tempio c.d. di Serapide, Puteoli – Pozzuoli (Napoli)
Tomba c.d. di Agrippina, Bauli – Bacoli (Napoli)
21) Parco archeologico del Colosseo:
Anfiteatro Flavio (Colosseo) – Roma
Arco di Costantino – Roma
Domus Aurea – Roma
Foro romano e Palatino – Roma
Meta Sudans – Roma
22) Parco archeologico dell’Appia antica:
Acquedotti dell’Acqua Marcia, Acqua Claudia e Annio Novus – Roma
Acquedotto dei Quintilii – Roma
Antiquarium di Lucrezia Romana – Roma
Mausoleo di Cecilia Metella – Roma
Tombe della via Latina – Roma
Tratto demaniale della via Appia con annessi monumenti e mausolei – Roma
Villa dei Quintili – Santa Maria Nova – Roma
Villa dei Sette Bassi – Roma
Villa di Capo di Bove – Roma
23) Parco archeologico di Ercolano:
Area archeologica di Ercolano (Napoli)
24) Parco archeologico di Ostia Antica:
Aree archeologiche di Ostia Antica e Isola Sacra – Ostia (Roma)
Basilica di S. Ippolito e Antiquarium – Fiumicino (Roma)
Complesso degli antichi Porti di Claudio e Traiano – Fiumicino (Roma)
Iseo Portuense – Fiumicino (Roma)
Museo delle Navi – Fiumicino (Roma)
Necropoli della via Laurentina – Roma
Necropoli di Pianabella – Roma
Necropoli di Porto e Isola Sacra – Fiumicino (Roma)
Porti di Claudio e di Traiano – Roma
Saline di Ostia – Ostia (Roma)
Tor Boacciana – Ostia (Roma)
Ville Costiere – Ostia (Roma)
25) il Parco archeologico di Paestum
Area Archeologica di Paestum – Capaccio (Salerno)
Area Archeologica e Museo Narrante di Foce Sele – Capaccio (Salerno)
Museo Archeologico Nazionale di Paestum – Capaccio (Salerno)
la cinta muraria e l’edificio “Ex stabilimento Cirio”
26) Parco archeologico di Pompei:
Antiquarium di Boscoreale (Napoli)
Area archeologica di Villa Sora – Torre del Greco (Napoli)
Area archeologica di Pompei – Pompei (Napoli)
Castello di Lettere (Napoli)
Parco archeologico di Longola – Poggiomarino (Napoli)
Ex Real Polverificio borbonico – Scafati (Salerno)
Reggia del Quisisana – Castellammare di Stabia (Napoli)
Scavi archeologici di Oplontis – Torre Annunziata (Napoli)
Scavi archeologici di Stabiae – Castellamare di Stabia (Napoli)
Sito archeologico di Villa Regina – Boscoreale (Napoli)
27) il Palazzo Ducale di Mantova
Museo di Palazzo Ducale – Mantova
28) il Palazzo Reale di Genova
Galleria di Palazzo Reale – Genova
Galleria Nazionale di Palazzo Spinola – Genova
29) la Pinacoteca di Brera
Pinacoteca di Brera – Milano
Biblioteca Braidense – Milano
30) la Reggia di Caserta
Acquedotto Carolino – Caserta
Giardino all’Inglese – Caserta
Oasi di San Silvestro – Caserta
Palazzo Reale – Caserta
Parco del Palazzo Reale – Caserta
31) Villa Adriana e Villa D’Este:
Area archeologica di Villa Adriana -Tivoli (Roma)
Mausoleo dei Plauzi – Tivoli (Roma)
Mensa Ponderaria, con annesso Augusteum – Tivoli (Roma)
Santuario di Ercole vincitore – Tivoli (Roma)
Villa D’Este – Tivoli (Roma)
32) I Musei Reali di Torino
Armeria Reale – Torino
Biblioteca Reale – Torino
Galleria Sabauda – Torino
Museo Archeologico – Torino
Palazzo Reale – Torino
Spazio espositivo di Palazzo Chiablese – Torino

Il ‘Parco dell’Appia Antica’ – 2

Vale quanto scritto in precedenza: il Parco dell’Appia Antica non esiste, ne esistono due che sono il primo regionale, il secondo archeologico, secondo un ordine temporale.

Il Parco Archeologico è recentissima istituzione, l’anno scorso è stato assegnato l’ufficio di Direttore del Parco a Rita Paris; la sede si trova a Roma – Via Appia Antica, 220; la sua confinazione per quanto si è riusciti a ricostruire fino ad ora coincide con quella del Parco Regionale, ma non vorrei dire una stupidaggine, prima o poi saranno più chiari! Al momento disponiamo di questo “Elenco di istituti e luoghi della cultura e altri immobili e/o complessi assegnati”:

– Acquedotti dell’Acqua Marcia, Acqua Claudia e Annio Novus, Roma
– Acquedotto dei Quintilii, Roma
– Antiquarium di Lucrezia Romana, Roma
– Mausoleo di Cecilia Metella, Roma
– Tombe della Via Latina, Roma
– Tratto demaniale della via Appia con annessi monumenti e mausolei, Roma
– Villa dei Quintili, Roma
– Complesso Santa Maria Nova, Roma
– Villa dei Sette Bassi, Roma
– Villa di Capo di Bove , Roma

Cercavo il vecchio Bando per il concorso a Direttore (Bando_direttori_2016) da dove si evincono alcuni interessanti aspetti relativi alla sua gestione. Si tratta di un parco in formazione, per cui è un esperimento interessante da seguire. Il Direttore del Parco Archeologico risulta avere le seguenti funzioni:

«Il direttore è responsabile della gestione del museo o parco archeologico nel suo complesso, nonché dell’attuazione e dello sviluppo del suo progetto culturale e scientifico, e svolge i compiti di cui all’articolo 35, comma 4, del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 29 agosto 2014, n. 171, e di cui al decreto ministeriale 23 gennaio 2016. In particolare, il direttore:

a) programma, indirizza, coordina e monitora tutte le attività di gestione del museo o parco archeologico, ivi inclusa l’organizzazione di mostre ed esposizioni, nonché di studio, valorizzazione, comunicazione e promozione del patrimonio museale;
b) cura il progetto culturale del museo o parco archeologico, facendone un luogo vitale, inclusivo, capace di promuovere lo sviluppo della cultura;
c) ferme restando le competenze del direttore del Polo museale regionale, stabilisce l’importo dei biglietti di ingresso, sentita la Direzione generale Musei e il Polo museale regionale e nel rispetto delle linee guida elaborate dal Direttore generale Musei;
d) stabilisce gli orari di apertura del museo o parco archeologico in modo da assicurare la più ampia fruizione, nel rispetto delle linee guida elaborate dal Direttore generale Musei;
e) assicura elevati standard qualitativi nella gestione e nella comunicazione, nell’innovazione didattica e tecnologica, favorendo la partecipazione attiva degli utenti e garantendo effettive esperienze di conoscenza;
f) assicura la piena collaborazione con la Direzione generale Musei, il segretario regionale, il direttore del Polo museale regionale e le Soprintendenze;
g) assicura una stretta relazione con il territorio, anche nell’ambito delle ricerche in corso e di tutte le altre iniziative, anche al fine di incrementare la collezione museale con nuove acquisizioni, di organizzare mostre temporanee e di promuovere attività di catalogazione, studio, restauro, comunicazione, valorizzazione;
h) autorizza il prestito dei beni culturali delle collezioni di propria competenza per mostre od esposizioni sul territorio nazionale o all’estero, ai sensi dell’articolo 48, comma 1, del Codice, anche nel rispetto degli accordi culturali eventualmente promossi dalla Direzione generale Musei finalizzati all’organizzazione di mostre e esposizioni, sentita, per i prestiti all’estero, anche la Direzione generale Musei;
i) autorizza le attività di studio e di pubblicazione dei materiali esposti e/o conservati presso il museo o parco archeologico;
l) dispone l’affidamento delle attività e dei servizi pubblici di valorizzazione del museo o parco archeologico, ai sensi dell’articolo 115 del Codice e del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 29 agosto 2014, n. 171;
m) coadiuva la Direzione generale Bilancio e la Direzione generale Musei nel favorire l’erogazione di elargizioni liberali da parte dei privati a sostegno della cultura, anche attraverso apposite convenzioni con gli istituti e i luoghi della cultura e gli enti locali; a tal fine, promuove progetti di sensibilizzazione e specifiche campagne di raccolta fondi, anche attraverso le modalità di finanziamento collettivo;
n) svolge attività di ricerca, i cui risultati rende pubblici, anche in via telematica; propone alla Direzione generale Educazione e ricerca iniziative di divulgazione, educazione, formazione e ricerca legate alle collezioni di competenza; collabora altresì alle attività formative coordinate e autorizzate dalla Direttore generale Educazione e ricerca, anche ospitando attività di tirocinio previste da dette attività e programmi formative;
o) svolge le funzioni di stazione appaltante;
p) amministra e controlla i beni in consegna ed esegue sugli stessi anche i relativi interventi conservativi; concede altresì l’uso dei beni culturali dati loro in consegna, ai sensi degli articoli 106 e 107 del Codice.
Il direttore inoltre presiede il Consiglio di amministrazione e il Comitato scientifico del museo o parco archeologico.
I direttori dei parchi archeologici dei Campi Flegrei, dell’Appia antica e di Ostia antica, all’interno delle aree di rispettiva competenza, e il direttore di Villa Adriana e di Villa d’Este all’interno dell’area archeologica di Villa Adriana, esercitano altresì le funzioni spettanti ai Soprintendenti Archeologia, belle arti e paesaggio, di cui all’articolo 4, comma 1, del decreto ministeriale 23 gennaio 2016. Con riguardo a queste ultime, i parchi archeologici dipendono funzionalmente dalla Direzione Archeologia, belle arti e paesaggio.
Il direttore del Parco archeologico dell’Appia antica è altresì responsabile del progetto di valorizzazione dell’intera strada consolare. A tal fine, il direttore coordina tutte le iniziative riguardanti l’Appia antica sul territorio nazionale».

Preso invece dal bando del Direttore del Parco del Colosseo è il seguente passo, che ritengo utile anche per il caso dell’Appia Antica:

«Con riferimento alle attività svolte dal direttore del parco archeologico di cui al comma 1 si applica la disposizione di cui all’articolo 11, comma 2, lettera c), del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 29 agosto 2014, n. 171, secondo la quale il Segretario generale in caso di inerzia, sollecita i titolari degli uffici dirigenziali generali periferici del Ministero e, in caso di perdurante inerzia e di inottemperanza alle proprie prescrizioni specifiche, si sostituisce al responsabile dell’ufficio e adotta tutti gli atti necessari».

Sono aspetti importanti, che riprenderemo immediatamente – segue.

Si veda: http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/visualizza_asset.html_1280164080.html#Ville

Castro dei Volsci (FR)

Nell’ambito del progetto Carta Archeologica Medievale, si era inteso proporre  una prima schedatura delle presenze di età medievale nel territorio del Foglio 159 Quadrante I dell’IGM. Lavoro estremamente difficile sotto molti aspetti, fu reso ancor più difficile da oggettive condizioni di rilevamento che interessano un’area fortemente antropizzata come il Lazio Meridionale. Nonostante ciò, si ritenne opportuno avviare un lavoro di tal genere, in particolare per comprendere come poter intervenire su contesti bisognosi di profondi interventi di riqualificazione ambientale ed urbana.

Trascorsi oltre dieci anni dall’edizione di tale volume, i dati e le riflessioni continuamente condotte sulla stessa porzione di territorio hanno permesso di procedere oltre quel primo sperimentale tentativo, consentendo di aggiornare la carta, pubblicando ulteriori contributi ed ampliando l’areale di riferimento. Grazie alla possibilità di proseguire gli studi teoretici all’estero, si è anche superata una certa tendenza propriamente legata alla semplice topografia antica di tradizione regionale e, attraverso un nuovo taglio metodologico legato all’archeologia storica, la revisione del pubblicato è stata indubbiamente radicale.

Anche precedentemente, in parallelo all’esperienza alla guida del Museo Civico Archeologico di Castro dei Volsci, conclusi una revisione della scheda riguardante il paese; i risultati furono raccolti nel capitolo del manuale didattico – scientifico Storie della Terra, pubblicato anche online nella mia pagina Academia. Di seguito il Link

Il progetto, portato avanti con forze personali anche se infine pubblicato in sede accademica, simboleggiava un riemergere dell’attenzione al territorio che si spera possa portare dei frutti sul piano della protezione di quei beni culturali rimasti e che meritano maggiore considerazione. Dopo la mia esperienza quale direttore, conclusasi – cosa rara in quei dintorni – nella concordia e nella soddisfazione da ambo le parti, poiché purtroppo determinata esclusivamente dalla necessità di tagliare tutte le possibile voci di spesa all’interno di un bilancio costruito sulla mera sopravvivenza e non sullo sviluppo, male necessario nella piena tempesta della crisi economica del 2008-2009, il museo fu affidato a personale direttivo – scientifico meno qualificato e quindi richiedente risorse economiche pressoché nulle; trascorso un tempo fisiologico in cui si appurò che mancavano le competenze per poter proseguire l’esperienza di apertura della struttura, il museo venne chiuso.

La speranza, che muore per ultima, ci induce a ritenere che riprendendo le indagini su contesti trascurati si possa offrire un contributo per il rinascere di opportunità culturali territoriali di più ampie prospettive.

In attesa del piano paesaggistico definitivo: a cosa riferirsi

Fermiamoci sul paesaggio, pertanto, e vediamo come poter intervenire sul piano pratico, modificando il rapporto estremamente difficoltoso tra cittadino e territorio. Impresa titanica, da dove partire? Viviamo purtroppo nella confusione, ogni giorno studio cose nuove ma sempre più confuse, che appesantiscono il cervello ed alla fine mal di testa continui che non fanno bene a me che li devo sopportare e agli altri che mi devono sopportare, bontà loro. Non parliamo poi degli articoli che devo scrivere, per ogni parola sorge un problema nuovo di interpretazione.

Sono esausta. Faccio un esempio pratico, visto che sono alle prese con la questione del piano paesaggistico regionale. Provo a domandare chiarimenti sulle cose che non capisco e nessuno riesce a chiarire quello che invece dovrebbe essere semplice e fruibile da tutti.

Quando andate a richiedere una ‘Autorizzazione paesaggistica’, vi viene concessa in virtù del rispetto dei vincoli paesaggistici; quelli attualmente esistenti deriverebbero dagli art. 136, 142, 143 e 156 del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, quindi dai piani paesaggistici ivi previsti, tenendo conto dei contenuti dell’art. 157 e del 158 dello stesso codice. Le Regioni che hanno già piani paesaggistici vigenti (e quindi che rendono solo obbligatorio ma non vincolante il parere della soprintendenza competente) sono Puglia e Toscana. La Regione Sardegna, che però è regione autonoma, possiederebbe un piano paesaggistico.

La Regione Lazio sta seguendo l’iter per l’approvazione del Piano Paesaggistico Regionale che per qualche strano motivo continua a chiamarsi Paesistico. La Regione Lazio possiede un Piano Paesistico Territoriale Regionale che risale al 1998, mentre sta elaborando il nuovo, da approvare in via definitiva, si spera entro il 14 Febbraio di quest’anno. Purtroppo, ho potuto constatare che sono molti anni che tale data viene rinviata, per cui al momento un nuovo Piano risulta adottato dalla Giunta Regionale, non approvato in sede definitiva dal Consiglio Regionale, ma che allo stesso tempo occorre tenere in considerazione. Nell’incertezza della cosa, personalmente tengo presente gli strumenti di gestione territoriale locale, in particolare comunale, che essendo più parziali, a rigore di logica dovrebbero essere comunque tenuti sempre aggiornati e comunque risultare più puntuali.

In una delle aree dove ho condotto ricerche, ad Esperia, nel 2015 hanno approvato una proposta consiliare per un nuovo Piano Regolatore locale che ha fatto leva sulla documentazione prodotta dalla Regione Lazio. C’è stata una riunione pubblica del Consiglio comunale in cui si è illustrato il contenuto anche del piano paesaggistico regionale, da quanto ho capito, che di conseguenza ha condotto all’adozione delle nuove regole localmente condivise ed accettate. Per trasparenza, nel 2015 il comune ha pubblicato on line la strumentazione cartografica, per cui è possibile avere un quadro chiaro, ma soprattutto una normativa un pochino stabile alla quale rifarsi.

Per non riproporre la ricerca che ogni tanto occorre fare, mi conviene riportare in questi miei appunti la sintesi delle vicende del Piano Paesaggistico regionale, come riassunte fino al 2015 nella tabella sinottica ministeriale, sperando che sia utile per chiarire.

“La Legge Regionale 6 luglio 1998, n. 24 ha approvato i Piani Paesaggistici della Regione Lazio, attualmente vigenti, ed al contempo ha disposto che “la Regione procedesse all’approvazione del PTPR quale unico piano territoriale paesistico regionale”.
Il PTPR è stato predisposto sulla base della stipula di un preliminare ed antesignano “Accordo di collaborazione per la redazione del PTPR” ai sensi dell’articolo 15 comma 1 della legge 7 agosto 1990 n. 241, sottoscritto il 9 febbraio 1999 fra Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, la Regione Lazio e Università di Roma Tre – DIPSA, il cui schema è stato approvato con DGR n. 5814 del 3. 11. 1998.
La redazione è stata sviluppata, a far corso dalla data di sottoscrizione dell’Accordo, da un apposito Comitato Tecnico Scientifico (CTS), istituito con DGR n. 5586 del 23/11/1999 e nominato con successivo Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Lazio n. 84/2000 del 14 febbraio 2000, di cui hanno fatto parte rappresentanti del Ministero e della Regione, integrato inoltre con rappresentanti del Comune di Roma.
Tale attività, sebbene avesse prodotto ed approvato documenti metodologici di redazione del piano, elaborazioni tecnico-scientifiche, criteri di valutazione delle osservazioni, verifiche e ricognizioni sul campo, pervenendo ad elaborazioni largamente definitive del Piano, si è interrotta nel 2007 stante la mancata condivisione da parte del MiBACT di alcune scelte di pianificazione relative al territorio del Comune di Roma proposte dalla Regione. Quest’ultima ha ritenuto di adottare unilateralmente, nello stesso anno, il PTPR esteso all’intero territorio regionale.
Successivamente, mentre si procedeva comunque alla istruttoria delle osservazioni pervenute, si sono svolti incontri con la DR e la DG nel corso dei quali la Regione ha manifestato l’intenzione di riattivare un percorso condiviso e quindi di procedere alla definizione dell’Intesa, poi sottoscritta, assieme al disciplinare, nel dicembre 2013. Sono conseguentemente in corso i lavori del Comitato tecnico congiunto di copianificazione e si sta procedendo, in particolare, alla validazione delle attività di ricognizione dei beni paesaggistici e all’esame congiunto dell’ingente numero di osservazioni pervenute dopo l’adozione del Piano (attività entrambe in fase conclusiva), nonché alla revisione delle Norme Tecniche di Attuazione e, in tale ambito, alla precisazione e alla integrazione delle prescrizioni d’uso dei beni paesaggistici”.

In poche parole, data la confusione vigente, sopra riassunta al 2015, e visti i ritardi che si accumulano incessantemente, dovendo purtroppo continuare a studiare e a pubblicare su territori che comunque sono ripartiti in comuni, ho deciso di riferirmi sempre e comunque alla zonizzazione comunale, seguendo le approvazioni consiliari dei piani regolatori locali, che in linea teorica dovrebbero risultare aggiornati e sempre vincolati alla normativa regionale e nazionale in divenire.

Spero che la riflessione possa essere utile, come tutte le altre.

Tabella Sinottica del MIBACT

1449477341435_pianificazione_paesaggistica_quadro_sinottico_ottobre_2015
Piano Paesistico Territoriale Regionale del 2016 (Giunta Regionale)

http://www.consiglio.regione.lazio.it/binary/consiglio_regionale/tbl_commissioni_documenti/PDC_n._60_del_10.3.2016.pdf

I Domini de Aquino alla Camera dei Deputati

img_7578Il 7 Dicembre 2016 il titolo del libro “I Domini de Aquino: Indagini storiche e topografiche sui castelli della Valle Latina” è risuonato nella Sala del Refettorio della Biblioteca della Camera dei Deputati.

Vincitore ex aequo  -il 24 Settembre scorso- del Primo Premio del FiuggiStoria – Lazio Meridionale 2016, il libro e la sua autrice sono stati presentati al pubblico del premio FiuggiStoria 2016 dietro invito della Fondazione Giuseppe Levi Pelloni – Centro Nazionale Ricerche Storiche, per graziosa ospitalità dell’On. Walter Verini, ai quali si è particolarmente grati.

Si ringraziano coloro che hanno reso possibile l’evento, Pino Pelloni, Giovanna Napolitano Morelli, Antimo della Valle, la Fondazione Giuseppe Levi Pelloni nel suo complesso, e moltissimi altri che ho ricordato in precedenti occasioni e che continuerò a conservare nella memoria per la loro cortesia, in particolare tutti i membri del comitato di lettori che ha votato  il volume come vincitore e tutti coloro che hanno avuto la bontà di leggere il mio scritto nel corso del tempo.img_6993

Un momento emozionante, che è stato reso possibile dal lavoro instancabile dell’Associazione Genesi di S. Donato V. Comino e di Domenico Cedrone, come pure dalle numerose persone che hanno ospitato la presentazione del volume, contribuendo a farlo conoscere ed apprezzare; ricordiamo le tappe di un impegno di diffusione e di dibattito sui contenuti di questo lavoro nel corso del 2016, che ha avuto il suo esordio in anteprima a Caprile, il 2 Gennaio, nella Chiesa di S. Maria delle Grazie (Roccasecca, FR) a cura dell’Associazione Alta Terra di Lavoro, Claudio Saltarelli e Fernando Riccardi in prima fila, per proseguire ad Atina, il 9 Gennaio, presso la sala maggiore del Palazzo ducale, con l’impegno del Comune di Atina-Biblioteca ed ancora dell’Associazione Alta Terra di Lavoro;sanmacuto ad Alvito, il 27 febbraio, nel Palazzo Ducale, con gentile disponibilità del Comune, e presentazione di Luciano Santoro e Giovanni D. Ferrante; a Frosinone il 5 Marzo, presso la Sala Conferenze della Villa Comunale, su organizzazione di Lisa della Volpe e  partecipazione di Italo Biddittu; ad Arpino il 23 Giugno nella Sala Conferenze di Palazzo Boncompagni, su cortese invito del consigliere Rachele Martino e del Sindaco Renato Rea, con la partecipazione della Società Dante Alighieri di Arpino, nella persona del Prof. Enrico Quadrini; a Fossanova, 11 Agosto, nel corso dei seminari tomistici, pure organizzati dall’Associazione Alta Terra di Lavoro.

Tra i ringraziamenti di fine anno, inserisco di cuore gli organizzatori del Premio Letterario Nazionale Città di Farnese 2016, che pur  se in riferimento ad un differente lavoro, hanno contribuito a rendere questo 2016 un anno veramente speciale, grazie alla loro menzione speciale della Giuria.

Si veda: https://nlinkeuropa.wordpress.com/2016/08/01/636/

Un arrivederci ai prossimi impegni e, fin da ora, auguri per uno splendido 2017.

A Viterbo dopo le festività ….

Si comunica che la manifestazione del giorno 07/12/2016 è stata spostata al periodo successivo alle festività natalizie e di inizio anno, onde permettere la partecipazione del libro “I Domini di Aquino: indagini storiche e topografiche sui castelli della Valle Latina”, e dell’autrice, alla manifestazione FiuggiStoria 2016 (che si terrà presso la Biblioteca della Camera dei Deputati, Palazzo San Macuto, via del Seminario 76, Roma), in qualità di vincitore del Premio FiuggiStoria – Lazio Meridionale 2016, assegnato alla pubblicazione il 24 Settembre scorso. Scusandoci per l’eccezionalità della cosa, si ringrazia caldamente la cortesia della Biblioteca Consorziale di Viterbo e i relatori per la squisita disponibilità dimostrata ed un arrivederci a presto.

http://www.anagnia.com/italia/appuntamenti/2016/12/01/il-fiuggistoria-2016-ad-emilio-gentile-gianluca-scroccu-gianfranco-calligarich-chiara-ingrao-silvia-e-masolino-d-amico

Verranno consegnati mercoledì 7 dicembre, in una cerimonia presso la Sala del Refettorio di Palazzo San Macuto-Camera dei Deputati in via del Seminario in Roma, i riconoscimenti della settima edizione del Premio Fiuggi-Storia. Il Premio è promosso dalla Fondazione “Giuseppe Levi-Pelloni” in collaborazione con il Comune di Fiuggi.
Emilio Gentile con “Il capo e la folla”(Laterza) é il vincitore della settima edizione del Premio FiuggiStoria per la saggistica.

Per la sezione biografie il riconoscimento va a Gianluca Scroccu per “La sinistra credibile. Antonio Giolitti fra socialismo, riformismo ed europeismo” (Carocci Editore).
A Gianfranco Calligarich il premio per la sezione romanzo storico per il libro “La malinconia dei Crusich” (Bompiani)
Ai libri “Soltanto una vita” di Laura Lombardo Radice e Chiara Ingrao (Baldini & Castoldi) e “Suso a Lele-Lettere 1945-1947”, curato da Silvia e Masolino D’Amico (Bompiani. 2016) il riconoscimento per la sezione  Epistolari & Memorie.
Al libro “Fratelli d’arte” di Silvia Toso ed Evelina Nazzari il riconoscimento per la sezione diaristica.
Nel corso della cerimonia verrà assegnato il “FiuggiStoria-Inviato Speciale Gian Gaspare Napolitano” alla giornalista de La Stampa Marta Ottaviani  per il libro “Il Reis. Come Erdogan ha cambiato la Turchia” (Textus Edizioni)
Presenti i vincitori della sesta edizione del Premio FiuggiStoria “Lazio Meridionale” celebratasi a Fiuggi lo scorso 24 settembre: Maurizio Federico autore di “Frosinone alla fine dell’Ottocento: storia politica e sociale della città tra l’800 e il 900 dall’annessione al Regno d’Italia all’attentato al re Umberto” e Sabrina Pietrobono per lo studio “I domini de Aquino, indagini storiche e topografiche sui castelli della Valle Latina”.
L’opera premio di questa edizione è stata realizzatadagli artisti dell’Accademia della HaTikva: Franca Bernardi, Antonio Carbone, Lucia Di Miceli, Salvatore Giunta, Rita Mele, Giuseppe Ponzio e Marcello Rossetti.